Slider by IWEBIX

Secret Sphere – Scent of human desire (2003)

Pubblicato il 22/03/2006 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Scent of human desire
Autore: Secret Sphere
Genere: Power/Prog Metal
Anno: 2003
Voto: 8.5

Visualizzazioni post:53

Quando il mio negoziante di fiducia mi ha detto “..è arrivato, la tua copia è già da parte, quando passi…” mi sono scagliato come un avvoltoio sulla preda. Voglio essere sincero: non mi sono minimamente informato sui contenuti sonori di questo “Scent Of Human Desire”, cosa che normalmente faccio prima di acquistare un cd: sentire qualche parere non è cosa malvagia…per questo disco invece no. Perché? Perché con i Secret Sphere si va sul sicuro. Il primo disco (“Mistress Of The Shadowlight”) mi ha colpito subito facendo guadagnare ai Secret Sphere una buona porzione del mio metallico cuore, il secondo disco (“A Time Nevercome”), che presenta una notevole evoluzione stilistica rispetto al full lenght d’esordio, mi ha letteralmente affascinato, contribuendo a convincermi della classe assoluta del combo alessandrino (Si narra nel mio afoso paesello di una persona che passeggiava per le vie del centro fischiettando “Under The Flag Of Mary Read”….certo, sono io, si capiva? nooo) tanto da far ancorare saldamente la band ai primissimi posti della mia classifica personale. E “Scent Of Human Desire”? Mi è piaciuto tantissimo, è un disco che ti prende già al primo ascolto. Parliamo di metal sinfonico, e la band è riuscita ad evolvere ancora il proprio stile rimanendo comunque fedele alle proprie radici: pezzi eleganti grazie anche alle tastiere, molto presenti ma mai sovrautilizzate come purtroppo succede a molte bands che propongono un certo genere, allo stesso tempo robusti grazie a chitarre distorte e ritmiche serrate. Frequenti le parti prog (mi vengono in mente i Dream Theater) e hard rock, canzoni mai banali pur essendo di rapidissima assimilazione, ma che comunque scorrono via generando in me un turbine di emozioni alimentate da strumenti a fiato, voci femminili, cori pomposi e arrangiamenti complessi, per un risultato finale che, per quanto mi riguarda è da lacrime agli occhi. Come si fa a non amare pezzi come “Rain”, “More Than Simple Emotions” (Già il titolo è tutto un programma…) o “Runaway Train”? Si potrebbe sostituire i titoli che ho citato con altri presi a caso da quelli che compongo questo cd e vi assicuro che il risultato non cambierebbe….Eccezziunale veramente diceva Abatantuono in un suo film, e ci sta perfetto anche per questa release! Se i Secret Sphere hanno suscitato l’interesse di una label come Nuclear Blast vorrà pur dire qualcosa, no? Una produzione spettacolare, opera di quel fenomeno del mixer di nome Achim Kohler (Brainstorm, Sinner, Primal Fear) presso gli studi tedeschi House Of Music (il cd è stato registrato presso gli italianissimi Mirage e AlfaΩ) e un artwork decisamente molto bello sono gli innegabili vantaggi di cui i Secret Sphere hanno goduto firmando per l’etichetta tedesca, ma bisogna comunque dire che i Sei di Alessandria se lo sono ampiamente meritato. Per concludere, penso che “Scent Of Human Desire” sia un disco di valore assoluto (tuttora gira nel mio stereo e ancora mi coinvolge come al primo ascolto) che proietta la band ad un ruolo di punta nella scena metal italiana e che spero permetta ai nostri di guadagnarsi tutta l’attenzione che meritano! Ragazzi, questo è un disco da avere a tutti i costi!

Tracklist:
1- Rain
2- Still here
3- 1000 eyes’ show
4- More than simple emotions
5- Surrounding
6- Desire
7- Virgin street 69
8- Runaway train
9- Scent of a woman
10- Life part I – walking through the dawn
11- Life part II – daylight

Lineup:
Ramon – voce
Aldo Lonobile – chitarra
Andy Buratto – basso
Antonio Agate – tastiere
Paco Gianotti – chitarra
Luca Cartasegna – batteria

Sito ufficiale: www.secretsphere.com
Contatti: secretsphere@hotmail.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *