Slider by IWEBIX

Endorphine – The future seed (2004)

Pubblicato il 22/03/2006 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: The future seed
Autore: Endorphine
Genere: Thrash Metal
Anno: 2004
Voto: 6.5

Visualizzazioni post:77

Devo dire che gli Endorphine non sono di certo una band che si lascia crescere l’erba sotto i piedi! Mi spiego: non è passata una settimana intera tra il mio prendere i contatti, la loro risposta e il trovarmi tra le mani la loro ultima fatica. Per me è piuttosto spiazzante questa cosa dato che, a parte i pacchetti che mi invia il CapoRedattore, normalmente l’attesa tra la frase “..domani ti spedisco il cd..” e ricevere effettivamente il cd non è mai inferiore ad un certo lasso di tempo. Lasciamo perdere e parliamo di “The Future Seed”, primo full-lenght dei partenopei Endorphine, uscito nel 2004 e co-prodotto dalla band stessa e dalla giovane etichetta Cruna Records dopo una gestazione di circa un anno a causa di problemi di line-up, piombati tra capo e collo al gruppo di Napoli proprio nel bel mezzo delle registrazioni. Attivi dal 1998 e con altri due demo alle spalle, i nostri propongono un Metal molto particolare capace di proporre thrash, qualcosa di death e qualche venatura prog, cosa che ha richiesto un numero di ascolti superiore ai miei standard per potermi fare un’idea ben precisa. Saltiamo a piè pari l’intro e passiamo direttamente a “One Day”, pezzo che si snoda su coordinate sonore che mi ricordano molto i Nervermore, con un Luka Zaccariello molto bravo ad alternare clean vocals e growl: “One Day” si rivelerà essere poi uno dei miei pezzi preferiti della band partenopea…. La terza traccia, “Endorphine”, gode di una partenza al fulmicotone che sfocia in un passaggio a mio parere molto evocativo e che potrebbe ricordare qualcosa del gothic di casa nostra: credo comunque che il punto di forza di questa canzone siano i frequenti cambi di tempo uniti alla varietà di stili (ci possiamo trovare anche elementi Death) sapientemente miscelati fino ad ottenere il risultato di mantenere viva l’attenzione dell’ascoltatore…mi sono reso conto di trovarmi ad “attendere” lo sviluppo del pezzo, come quando compri un fumetto e sul più bello ti troncano la storia e ti dicono “Continua sul prossimo numero”: ti si sviluppa dentro una curiosità…..”Makin’ Me Bad” strizza l’occhio al death melodico di scandinava matrice, pezzo veloce e godibile ma che non aggiunge nè toglie nulla al quadro generale che sto pian piano mettendo a fuoco; sulla stessa linea del pezzo precedente metterei pure “A World Outside”, pezzo su cui il metronomo subisce un rallentamento rimanendo comunque bello pesante, ma che qualitativamente mi sembra non all’altezza di “Endorphine” e “One Day”. Incontriamo ora “My Breath Away”, pezzo di gran fattura che si snoda lungo sette minuti di quello che penso potrebbe essere l’Endorphine-sound: cambi di tempo, veloci ripartenze e break melodici improvvisi, il tutto assemblato con un gran gusto…una menzione a parte la merita il riff iniziale, mooolto bello, ascoltare per credere!! “A New Yourself” è il pezzo più “distruttivo” (passatemi il termine!) del cd: non male, però credo che gli Endorphine diano il meglio su pezzi come quello precedente essendo i nostri in possesso di una buona tecnica e, come dicevo prima, di una capacità compositiva da non sottovalutare! Si prosegue con “Unleashed Godmind”, pezzo potente ma non lanciato che mi sentrei di avvicinare nuovamente ai Nevermore. A chiudere questo lavoro c’è la title-track “The Future Seed”, song in cui gli Endorphine fanno sfoggio della loro bravura esecutiva e compositiva realizzando una canzone varia e molto godibile. Diamo a Cesare quel che è di Cesare: questo full-lenght contiene indubbiamente delle ottime idee, le canzoni, eseguite da gente che sa cosa deve fare con i propri strumenti, catturano l’attenzione dell’ascoltatore, ma…quello che mi lascia un pò perplesso è la qualità della registrazione, a mio parere non eccelsa, che credo abbia penalizzato un pò il risultato finale. A parte questo, un’altra band da seguire attentamente……

Tracklist:
1- Self portrait
2- One day
3- Endorphine
4- Makin’ me bad
5- A world outside
6- My breath away
7- A new yourself
8- Unleashed godmind
9- The future seed

Lineup:
Luka Zaccariello – voce
Maddalena Bellini – chitarra
Alessandro Martinelli – chitarra
Raffaele Lanzuise – basso
Daniele Ciao – batteria

Sito ufficiale: www.endorphine.it
Contatti: endorphine@freemail.it

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *