Slider by IWEBIX

Scavenger – Thirsty For Knowledge (2005)

Pubblicato il 28/03/2006 da in Demo | 0 commenti

Titolo: Thirsty For Knowledge
Autore: Scavenger
Genere: Death Metal
Anno: 2005
Voto: 6.5

Visualizzazioni post:74

Il temibile Lord Avalon in una fredda sera di febbraio mi fece pervenire codesto demo. Il moniker Scavenger mi ha subito fatto scattare il neurone death metal e richiamato alla memoria i Death dell’indimenticabile Chuck. Mai i miei neuroni ebbero più ragione! I Bergamaschi Scavenger difatti propongono un death metal che molto ha da tributare ai già nominati Death, e si noti, il termine tributo, che indica l’assenza di ogni vena di scopiazzatura.
Dopo il classico periodo di rodaggio a furia di cover (Metallica Sepoltura Black Sabbath indicano la Bio in mio possesso) e qualche cambio di line up la band inizia a preparare i pezzi finiti poi su questo Thirsty for knowledge registrato discretamente presso i Recording Studio 17 (credo della zona di Bergamo).
Cosa dire della musica? Death metal come già accennato, con una sezione ritmica molto compatta, sia nei pezzi veloci, sia nelle parti più lente, con parti spesso abbastanza tecniche e complicate, appunto derivate da una trasparente influenza della band americana fondatrice del genere (perifrasi per dire DEATH).
Foresinc Awareness alterna proprio queste due entità veloci e lente in maniera più che soddisfacente, anche se si sente ancora qualche acciaccatura dovuta forse alla giovanissima età dei componenti della band (nessuno passa i 21 –22 anni). Ottima prova a mio giudizio di Federico alla voce! Un growl molto aggressivo che quasi quasi mi ricorda Glenn Bentos e che si adatta perfettamente alla musica, una lode davvero meritata. Return to Ask, seconda traccia del demo, risulta più spedita, con parecchie parti in cui la doppia cassa (o doppio pedale? Saperlo…) la fanno da padrone e le chitarre snocciolano riff su riff con un sapore a volte thrash a volte proprio Death. Risulta però poco convincente il suono adottato proprio per le chitarre, che non suonano taglienti come dovrebbero ed è davvero un peccato, credo non imputabile alla band, perché avrebbe potuto lanciare di più i pezzi. Stupisce sempre Alberto dietro le pelli, che si sbatte non poco a complicare l’aspetto delle canzoni. Stupisce leggere dalla biografia che è classe ’88. algebra: 2005 – 1988 = 17!!!! Giovane e disumano… bravissimo!
La lunga traccia conclusiva omonima al moniker introduce una versione con parti più acustiche e cantato pulito per ritornare sulla potenza dei primi due brani sempre incentrati più sulla compatezza delle ritmiche che su solismi disumani. Ottima scelta a mio giudizio.
La produzione non è delle migliori, ma per essere un demo di una band novella, risulta quasi azzeccata dando un senso underground al dischetto. Occhio! Non ho detto low prod tipo quei disgraziati dei Darkthrone (e qui i black metallers mi crocifiggono) ma underground, cioè un approccio più grezzo, ma indiscutibile!
Per me una band da tenere d’occhio e che sono convinto rivedremo presto!

Tracklist:
1- Forsenic Awareness
2- Return to ask why
3- Scavenger

Lineup:
Federico Legrenzi – voce
Fabio Canova – chitarra
Marco Massini – chitarra
Michele Agostini – basso
Alberto Quistini – batteria

Sito Ufficiale: www.scavenger.it

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *