Slider by IWEBIX

Domina Noctis – Nocturnalight (2005)

Pubblicato il 19/06/2006 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Nocturnalight
Autore: Domina Noctis
Genere: Gothic Metal
Anno: 2005
Voto: 7

Visualizzazioni post:60

Un ammiccante, etereo, blu artwork mi sorride dalla confezione promozionale dell’album di debutto dei Domina Noctis. Con mani indaginose volto il dischetto dall’altra parte, e le particolari quanto quasi inconfondibili fattezze dei font riportano la mia mente ai tempi in cui un altro album di blu vestito aveva scosso la mia vita. Parlo dell’arcinoto “Oceanborn”, di cui sapreste sicuramente riconoscere le canzoni anche rivoltate al contrario, e sul quale non perderò tempo a dilungarmi. Con mio grande piacere, ad attendermi non trovo la fotocopia degli amici (ex-amici, scusate, della valchiria Tarja) appena menzionati, ma un lavoro che tenta di ritagliarsi un suo quid nel mare magnum in cui il gothic sta sempre più dispiegando le sue vele. Mare magnum tanto strombazzato ma di cui ultimamente non ricordo alcuna uscita di rilievo…. sarà solo per la mia manifesta ignoranza?
La signora della notte ci propone un ventaglio di brani, in parte mutuato dalla rielaborazione dei loro ancestrali demo, imperniate su melodie decisamente sostenute, sia in termini melodici sia come durata. Tutti i pezzi si dispiegano e costruiscono in un onirico intrecciarsi di tastiere e chitarre della durata non inferiore ai sei minuti (eccezion fatta per “It’s on me”, ma è una cover dei Pyogenesis), dolcemente ammaestrate dalla suadente voce di Edera, vacante di un accompagnamento maschile più o meno cavernoso.
Arrovellandomi nel tentativo di trasmettervi l’atmosfera resa dal disco, non trovo miglior perifrasi di “allegro ma non troppo”. Le melodie proposte hanno una forte base “dolce” e “quasi sonnolenta”, “suadente”, sapientemente inframezzate da parti più sostenute, ma mai aggressive.. potrei citarvi come esempio le canzoni più tranquille dei Within Temptation.
Questa atmosfera di rilassatezza e tranquillità ha il pregio di non scadere in lagne più o meno esplicite (se mi passate il paragone, quasi tutta la produzione rap-pop-goth degli Evanescence) e di non darvi scossoni troppo violenti (come i cambi di sessantaquattro ottave di Tarja) che avrebbero stonato in un contesto del genere.
Ciliegina sulla torta, il lavoro è ottimamente prodotto.
In sintesi, lo trovo un lavoro personale e d’atmosfera, privo delle pulsioni di tristezza e tensioni struggenti che spesso caratterizzano questo genere di composizioni, che offre un’ottima opportunità di godere di un gothic “cristallino”.

Tracklist:
1. Shades of dark and Light
2. My Book of Shadows
3. Let me Flood Your Mind
4. Gloom
5. It’s on Me
6. Lilith (The Black Moon)
7. Nevermore
8. Venus In a Dust Whirl

Line up:
Asher – Chitarra
Edera – Voce
Azog – Basso
Nicola – Batteria
Erik – Tastiere

Sito ufficiale: www.dominanoctis.it
Contatti per date live: dnlive@hotmail.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *