Slider by IWEBIX

Skid Row – Revolutions Per Minute (2006)

Pubblicato il 6/01/2007 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Revolutions Per Minute
Autore: Skid Row
Genere: hard rock
Anno: 2006
Voto: 6.5

Visualizzazioni post:57

Ironico, veloce, arrabbiato, influenzato da vari generi musicali, sono alcuni aggettivi che si potrebbero applicare facilmente a questo nuovo prodotto uscito da casa SPV. Nel corso dell’album, alcuni concetti ritornano prepotentemente in vari episodi del disco, ed evidenziano un modo di pensare e di esprimersi che non conosce mezzi termini. Le donne ad esempio non si devono sentire offese per la cattiva luce in cui sono messe in alcuni pezzi dai titoli volutamente esagerati, primo fra tutti il perfido “Another Dick In The System”, così come “Pullign My Heart Out From Under Me” o “Love Is Dead”. Lo stesso trattamento è riservato alla stessa società americana, che con “White Trash” viene indicata come un’entità senza carattere, piena di amebe il cui unico interesse è rimpinzarsi di cibo e vivere in una totale assenza di ideali e di interesse verso gli altri.
La varietà di generi musicali di influenza è ben evidente lungo tutto il corso del disco, in quanto coesistono brani puramente rock, veloci ed immediati, privi anche di molte rifiniture tecniche, come accade per la triade “Nothing” (probabilmente il pezzo migliore del’album, anche a livello di testo), la già citata “Love Is Dead” e “Let It Ride”, che invece è il brano in cui si respira una maggiore influenza degli anni ’80. D’altra parte, l’ascolto di “You Lie”, interamente basata, in entrambe le versioni presenti sul disco, su una melodia marcatamente country e piuttosto divertente, con tanto di armonica a bocca, e “When God Can’t Wait”, con influenze country a sua volta ma una velocità degna del punk più puro, fanno capire, appunto, la varietà di influenze.
Ah, incidentalmente questo gruppo porta il nome di Skid Row, ma una volta che ci si dimentica di questo trascurabile dettaglio, l’ascolto diventa più facile e può anche andare a finire che ci si diverte. Basta non partire con il presupposto che questo disco possa avere qualcosa in comune con quello che è stato prodotto dalla band negli anni ’90, cosa peraltro piuttosto facile, dato che gli elementi di somiglianza con allora sono quasi nulli, e soprattutto la voce di Johhny Solinger non ha assolutamente niente a che vedere con quella di Sebastian Bach. Qualche fan irriducibile di vecchia data griderà naturalmente allo scandalo, e farà male, perché comunque “Revolutions Per Minute” è un disco piacevole e di facile ascolto. In fondo i tempi sono cambiati anche per loro, no?

Tracklist:
1-Disease
2-Another Dick In The System
3-Pulling My Heart Out From Under Me
4-When God Can’t Wait
5-Shut Up Baby, I Love You
6-Strength
7-White Trash
8-You Lie
9-Nothing
10-Love Is Dead
11-Let It Ride
12-You Lie (com fed mix)

Lineup:
Johnny Solinger: voce
Rachel Bolan: basso, cori, percussioni
Scotti Hill: chitarra, cori
Snake: chitarra, cori
Dave Gara: batteria, cori

www.skidrow.com
Album distribuito in Italia da Frontiers – www.frontiers.it

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *