Slider by IWEBIX

Redemption – The Origins of Ruin (2006)

Pubblicato il 29/03/2007 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: The Origins of Ruin
Autore: Redemption
Genere: Progressive Metal
Anno: 2006
Voto: 7.5

Visualizzazioni post:66

E’ molto difficile riuscire a condensare in poche parole le impressioni derivanti da un lavoro del peso macigneo di un album progressive metal. Ritengo che il processo di composizione musicale offra differenti livelli di lettura, e ogni livello differenti interpretazioni che variano non solamente in base all’animo recipiente (leggi: tu ascoltatore) ma, animandosi di vita propria, offrono anche allo stesso compositore visioni di schegge di dimensioni che l’autore stesso non aveva nemmeno considerato. Questo si estremizza quando il lavoro si fa più mentale, più raffinato.
La domanda è: cosa è rimasto da dire, e come, dopo “Erotomania” e “Dance of Eternity” dei Dream Theater, e buona restante parte della produzione loro e dei Symphony X?
La risposta è ardua, e i Redemption presentano un lavoro decisamente ben interpretato e orchestrato, una sorta di progressive metal tranquillo, in cui gli esasperati virtuosismi non eccedono e lasciano spazio al fluire naturale della musica e la sua evoluzione attraverso l’interpretazione dei singoli strumenti.
Fra i pezzi di cui vi consiglio l’ascolto, l’opener “The Suffocating Silence”, e la travolgente “The Death of Faith and Reason”, nelle quali credo sia meglio raffigurato il messaggio che i Redemption abbiano voluto imprimere alla loro complessa creatura.
La title track, “The Origins of Ruin”, è un lento antiprog, giocato sulla triste melodia di piano che si interfaccia al lento scorrere della canzone, come gocce di pioggia su una fredda lastra di marmo.
A chiusura del lavoro, “Fall on You”, brano piuttosto lungo e articolato ad atmosfera quadridimensionale di interessante e complessa levatura; come potete immaginare giocato sui vari cambi di tempo, di ritmo, di riff e di quant’altro vi possa venire in mente.

Quando degli ottimi musicisti e delle buone idee vengono a trovarsi, è difficile che il lavoro risultante sia scarso. I Redempion sono, perdonate la banalità, particolari: deve incontrare il vostro gradimento il peculiare timbro vocale del cantante (abbastanza inusuale per il genere praticato), e la tendenza di inserire parti cantate anche in sfumature melodiche che l’orecchio avrebbe inconsciamente desiderato orfane di voce, o maggiormente aderenti al tessuto musicale.

Queste piccole “peculiarità” definiscono lo stile dei Redemption, autori di un progressive metal “contenuto” e lineare seppur nella inevitabile baroccosità del genere scelto.

Tracklist:
1. The Suffocating Silence
2. Bleed Me Dry
3. The Death of Faith & Reason
4. Memory
5. The Origins Of Ruin
6. Man Of Glass
7. Blind My Eyes
8. Used To Be
9. Fall On You

Line up:
Ray Alder – voce
Nicolas van Dyk – chitarre e tastiere
Bernie Versailles – chitarra
James Sherwood – basso
Chris Quirarte – batteria

Contatti: www.redemptionweb.com
Album distribuito in Italia da Audioglobe – www.audioglobe.it

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *