Slider by IWEBIX

4/11/2006, Death SS (Kindergarten, Bologna)

Pubblicato il 4/04/2007 da in Live report | 0 commenti


Visualizzazioni post:77

I Death SS sono probabilmente il gruppo più controverso dell’intero panorama metal italiano. Profondamente disprezzati oppure amati fino all’esagerazione, il combo toscano capitanato da Steve Sylvester approda al Kindergarten di Bologna per il tour di “The 7th Seal”, ultimo album uscito qualche mese fa e che li ha visti anche partecipare come headliner all’Evolution Festival lo scorso luglio.

Il piccolo palco del Kindergarten purtroppo mal si adatta alle scenografie della band, che fin dal pomeriggio vede alacremente lavorare tutti i membri del “Death SS Staff” per consentire comunque un bello spettacolo visivo, da sempre uno dei punti forti della band, che ha visto esibirsi in questi anni sul palco personaggi o animali degni di un circo ad accompagnare le musiche a tema horrorifico del quintetto.

Mancano gli Ensoph, annunciati come spalla, e tocca alla trascinante “Give Em Hell” aprire le danze. La canzone, opener di “The 7Th Seal”, è diventata l’inno della federazione italiana di wrestling, e il ritmo indiavolato della canzone dimostra tutta la sua carica, perfettamente adatta a questo tipo di sport-spettacolo. La set list dei Death SS si sposta poi sul passato, e come testimonianza della mole di materiale prodotto dal gruppo, le prime quattro canzoni della serata sono tratte da quattro album diversi. A fine serata saranno quasi una ventina le canzoni proposte, con un Steve Sylvester in grande forma. Non sono molte le canzoni tratte dall’ultimo “The 7th Seal”, a parte la già citata “Give Em Hell” e la lunga, conclusiva title-track vengono proposte solo ” S.I.A.G.F.O.M.” (Satan Is A Good Friend Of Mine) e “Der Golem”, con un vero e proprio Golem sul palco, allontanato da Steve che funge da “evocatore”. Non mancano i brani classici della band, da “Vampire” alla classica “Terror”, dove Steve brucia una croce e la sventola sul pubblico, prima di essere assalito e portato via da oscure figure incappucciate.. buona anche la prestazione degli altri membri della band, dal chitarrista Emil Bandera al bassista che interagiscono con un pubblico molto carico, allo scatenato Dave Simeone, già batterista degli Eldritch, mentre rimane un po’ in disparte il tastierista, penalizzato dalla posizione sul palco che lo rende pressochè invisibile..

Non sono certo invisibili le performances di Dhalila, la ragazza che accompagna la band sul palco e che si presenta (s)vestita in vari modi, prima da incappucciata durante “Baphomet”, poi in tenuta sadomaso dove si diletta a frustare il pubblico assiepato nelle prime file, poi ancora da diavolo con tanto di forcone, infine da angelo durante la canzone conclusiva, il tema degli angeli infatti è ben presente nell’ultimo album, a cominciare dalla copertina.

La prestazione della band è comunque egregia, i pezzi dei Death SS hanno sempre un “tiro” molto heavy che scalda il pubblico e lo rende partecipe. Pezzi come l’immortale “Heavy Demons”, probabilmente il più atteso, o “Transilvania”, o l’incalzante “Let The Sabbath Begin” divertono e dimostrano quanto metal ci sia in questa band che è purtroppo invisa a tante persone, o che torna alla ribalta solo nei momenti più tristi delle cronache del nostro paese.

I Death SS sono innanzitutto dei grandi professionisti, circondati da una crew che li segue ovunque per far sì che ogni loro concerto non sia fatto di sola musica e da un pubblico sempre molto caldo che li sostiene in qualsiasi parte del nostro paese e anche d’Europa, a dispetto dell’ignoranza che circola attorno al loro nome e alla loro fama. Loro sono così, prendere o lasciare, così ci ha detto anche Steve nella nostra intervista. E nessuna persona che ama l’heavy metal d’autore dovrebbe permettersi di lasciarli..

Setlist:
Give Em Hell
Baphomet
Horrible Eyes
Let The Sabbath Begin
Der Golem
Baron Samedi
Isthar
Transilvania
Where Have You Gone
Terror
Hi-Tech Jesus
Hell On Earth
S.I.A.G.F.O.M.
The Way Of The Left Hand
Scarlet Woman
Panic
Vampire
Heavy Demons
The 7th Seal

Foto prese dai siti www.stevesylvester.com e www.deathss.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *