Slider by IWEBIX

Thunderstorm – As We Die Alone (2007)

Pubblicato il 10/04/2007 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: As We Die Alone
Autore: Thunderstorm
Genere: Doom Metal
Anno: 2007
Voto: 8

Visualizzazioni post:44

Chi l’ha detto che il doom metal deve per forza essere noioso, lento e ripetitivo? sulla scia di quanto fatto da grandi gruppi come Candlemass e Soltude Aeturnus, i nostrani Thunderstorm giungono al quarto album della loro “luminosa” carriera (in ambito doom è sempre meglio rimanere lontani dalla luce..) e sfornano una prova eccellente con questo “As We Die Alone”. Il terzetto, guidato da Fabio “Thunder” Bellan e sorretto da Omar Roncalli al basso e da Attilio Coldani alla batteria, ripaga le grandi attese di stampa e pubblico con il miglior capitolo della propria discografia. Fin dalle prime canzoni, l’opener “Hawking Radiation” e la seguente “Death Rides On The Highway”, i Thunderstorm si dimostrani carichi ed epici come non mai, per un album che potrebbe sembrare una derivazione dei precedenti, ma è con la splendida “We Die As We Dream (Alone)” che il trio bergamasco si allontana dai soliti clichè e va ad esplorare i sentieri più oscuri dell’animo, con passaggi introspettivi e struggenti, malinconia e brividi che scorrono sulla pelle, una sofferenza interiore sorretta da un riff potente che fornisce un contrasto davvero efficace. Le progressioni della band coinvolgono altri generi e sconfinano a tratti in una sorta di “Novembre-Style” che li magnifica ancora di più. La fusione tra i classici ingredienti del doom metal e le contaminazioni progressive anni ’70 a cui tante volte questo genere si ispira emergono anche nella canzone successiva, “I Wait”, tetra, oscura e fortemente emozionale. Da segnalare anche la riuscitissima “S.L.O.W.”, ricca anch’essa di arrangiamenti ricercati e di un gusto per il songwriting che dimostra quanta maturità sia stata raggiunta dai Thunderstorm, mentre per gli amanti del classico in puro stile Black Sabbath è d’obbligo citare la conclusiva ed incalzante “The Mad Monk”, prima della (adattissima) cover di Jimi Hendrix che chiude l’album. Davvero una grandissima prova da parte dei Thunderstorm, che ci auguriamo li proietti ancora di più dentro la scena europea della quale fanno parte già da diversi anni, un’uscita che rimarrà sicuramente tra le migliori del 2007 e che potrebbe portare qualche soddisfazione ai ragazzi anche in ambito italiano, ribaltando il malaugurato detto “nemo propheta in patria” che tanto si addice al Metallo di casa nostra.

Tracklist:
01. Hawking Radiation
02. Death Rides On The Highway
03. We Die As We Dream (Alone)
04. I Wait
05. Hypnowheel Of Life
06. L
07. S.L.O.W.
08. Preacher’s Dream
09. The Mad Monk
10. Voodoo Child (Slight Return)

Lineup:
Fabio “Thunder” Bellan – chitarra e voce
Omar Roncalli – basso
Attilio Coldani – batteria

Sito ufficiale: www.thunderstorm-doom.com
Album distribuito in Italia da Audioglobe – www.audioglobe.it

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *