Slider by IWEBIX

Holy Ghost – Holy Ghost (2007)

Pubblicato il 14/11/2007 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Holy Ghost
Autore: Holy Ghost
Genere: Thrash Metal
Anno: 2007
Voto: 5

Visualizzazioni post:83

Un ottimo artwork ci introduce al lavoro, ammiccando. Un teschio, una spirale di colonne vertebrali in un marroncino indefinibile ed un cappio sorridono dalla copertina del libretto monopagina, mentre tremante d’attesa infilo il CD nel lettore, aspettandomi chissà quali meraviglie sonore. Purtroppo, ad accogliermi, trovo ciò che di più, finora, si avvicina all’espressione “tutto fumo e niente arrosto”. Una sequela di componimenti rassomiglianti agli Slayer rallentati raggiunge le nostre orecchie, sardonica e inframezzata da colte citazioni (forse) prese da chissà quali elevate vette artistiche della razza umana (in puro stile Mortician, ma almeno quelli erano valevoli film Horror). Non che l’ispirazione manchi del tutto. Se per “ispirazione” intendete la continua, estenuante, ossessionante ripetizione del solito, medesimo, thrasheggiante e allucinante riff ancora e ancora, mentre il monocorde e monotono e mononota di “Human Furnace” (più che un nickname, una speranza di luogo che potrebbe visitare) fa impallidire la piatta interpretazione di Max Cavalera di “Smoke on the Water” tenuta live in qualche concerto. La traccia che decolla di più è “Taking Control“, dotata di buon riffing, trascinante, sicuramente da spaccarsi le ossa l’uno contro l’altro, ma rovinata dal pessimo vocalist già menzionato, ugola già militante anche nei Ringworm, peraltro autodefinitosi “trademark vocal attack”. Non che il mio edicolante con la gola trafitta da un attizzatoio non avrebbe saputo replicare meno decentemente a questo tremendo “attack”. Non altrettanto all’altezza le tracce proposte nello spazio “myspace” della band, ossia “The Pain Is Mine“, “Rise to Fall“, “Like Rats” e “Sacred Ground“.
Sembra che ci sia tutto, atmosfera cattiva e riffoni pestati, ma alla fine è sempre un po’ la stessa roba e deve sempre irrompere ‘sta fornace infernale che sembra mia zia che urla all’inverosomile quando le porto a casa da lavare dei panni troppo zozzi.
Dato che ci costa parecchia fatica portare i soldini a casa, facciamo in modo che costi pure ai Fantasmi Santi e indirizziamo a più meritevoli acquisti i suddetti soldini per questo mese, ascoltando sullo spazio myspace, almeno per questa volta, le quattro (delle otto, di cui una solo “footage”) tracce del primigenio loro “Holy Ghost“, in attesa della rottura del loro uovo.

Tracklist:
1. Rise and Fall
2. Sacred Ground
3. Insides Out
4. The Sacrifice
5. Taking Control
6. Like Rats
7. Split Shot
8. This Pain Is Mine

Line-up:
Puma – Basso
Merk – Chitarra
Jim – Chitarra
Human Furnace – Urla

Contatti:
Etichetta: www.deathwishinc.com
Nello specifico, la pagina è accessibile a: http://www.deathwishinc.com/bands/59/
Myspaces: http://www.myspace.com/holyghost13
Album distribuito in Italia da Andromeda Dischi – www.andromedadischi.it

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *