Slider by IWEBIX

Aneurysm – Shades (2007)

Pubblicato il 23/11/2007 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Shades
Autore: Aneurysm
Genere: Thrash Metal
Anno: 2007
Voto: 7

Visualizzazioni post:56

Non fatevi ingannare dall’indicazione del genere che leggete qui sopra: no, non ho sbagliato a digitarlo, semplicemente sarebbe alquanto riduttivo limitarsi ad indicare la musica dei veneti Aneurysm, formatisi in quel di Verona nell’ormai lontano 1994, come un semplice thrash. “Shades” mette molta carne al fuoco, ed è il caso di dire che non c’è traccia di fumo ma solo tanta tanta sostanza, forse pure troppa: thrash e techno-death sono le principali coordinate a cui fa riferimento il sound dei nostri e a cui va inoltre aggiunto un certo quantitativo di elettronica. Ci sarebbero pure diverse soluzioni musicali riconducibili ad altre correnti metalliche ad ampliare la rosa degli elementi che confluiscono nelle composizioni targate Aneurysm.. mi vengono in mente due parole per questo album: saturo e cerebrale. La netta sensazione maturata durante gli svariati ascolti è che non poteva starci nient’altro in questi brani, zeppi come sono di sfumature (il disco non si chiamerà mica “Shades” per caso, no?) musicali, umorali ed atmosferiche per un risultato finale che va ascoltato con la massima attenzione dalla prima all’ultima nota al fine di poter cogliere l’essenza dei brani nella loro completezza: massiccio, potente e allo stesso tempo melodico, “Shades” va metabolizzato lentamente e per questo per alcuni l’album potrebbe risultare di difficile assimilazione. Detto questo, va sottolineata la qualità di pezzi come le devastanti ed azzeccate “Under Grey Skies” e “Quagmire”, brani che mi hanno ricordato i Meshuggah e che irrompono nel cranio prendendo a calci nel sedere ogni singola cellula cerebrale nonchè la rabbiosa “Black Narrow Eyes”, da cui spicca chiara la passione per il thrash degli anni d’oro. “Reflection” si fa notare più che altro per l’illustre presenza del bardo Hansi Kursch, mi sorprende positivamente la particolare “My Reward” grazie all’alternanza emotiva tra parti tirate e parti evocative e mi inquieta (appunto..) la successiva e oppressiva “Inquietudo Animi”. Spazio ora all’articolata “Proud”, brano variegato ed emozionale come risulterà essere la successiva “Release”, mentre la chiusura dell’album spetta alla sofferta ballata “Real Ease”, pezzo reso ancor più coinvolgente dall’ottima chitarra acustica. Prodotto molto bene, ben curato nell’artwork e nei testi, “Shades” mette in luce una band ottima a livello esecutivo e compositivo! Disco consigliato, band da seguire!

Tracklist:
1. Shade one: introspection
2. Under grey skies
3. Quagmire
4. Shade two: war of fragments
5. Black narrow eyes
6. Reflection
7. Shade three: into the golden fields
8. My reward
9. Inquietudo animi
10. Shade four: desper-hate
11. Proud
12. Shade five: point of contact
13. Release
14. Real ease
15. Shade six: …shades

Line up:
Gianmaria Carneri – voce e chitarra
Peter Calmasini – chitarra
Ivano Dalla Brea – basso
Stefano Torregrossa – tastiere
Marco Piran – batteria

Sito ufficiale: www.aneurysm.it
Email: info@aneurysm.it
Sito etichetta: www.oldonesrecords.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *