Slider by IWEBIX

House Of lords – Come To My Kingdom (2008)

Pubblicato il 4/06/2008 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Come To My Kingdom
Autore: House Of lords
Genere: AOR
Anno: 2008
Voto: 9

Visualizzazioni post:120

Con questo devastante “Come To My Kingodm” tornano gli House Of Lords, a vent’anni dalla loro nascita, e questa volta non lo fanno con l’incertezza dell’ultimo “World Upside Down” (2006), ma con una rabbia ed un sound a dir poco strabilianti. C’è poco da dire, questo è veramente un disco che ha tutte le carte in regola per diventare un “must have”. Come già menzionato, il precedente capitolo non si presentò all’altezza della situazione, cosa che fece cestinare rapidamente il nome House Of Lords nel dimenticatoio, e quello che avrebbe dovuto essere un ritorno esplosivo s’era invece rivelato una piccola miccia legata a poca polvere nera. Ma ora non è più così: la nuova formazione (datata 2006), capitanata dal singer James Christian, presenta quello che, senza fare tanti giri di parole, è forse il miglior lavoro dell’intera discografia. I numerosi cambi di formazione e l’assenza di Greg Giuffria alle tastiere non incidono pesantemente sul risultato finale, che richiama tanto i tempi di “Sahara” (consigliatissimo!), con Christian che, oltre ad occuparsi della composizione e delle registrazioni, prende le redini della produzione, ed il risultato è decisamente folgorante: ad un sound avvincente si lega meravigliosamente il lato più commerciale del disco, che rende incredibile la presa sul pubblico. Unica pecca a livello produttivo, forse, la troppo sacrificata chitarra di Jimi Bell, entusiasmante funambolo delle sei corde, che si vede vagamente soffocato da una compressione sonora a mio avviso esagerata. Comunque, se dovevamo parlare delle pecche di “Come To My Kingdom”, beh, abbiamo già finito!
L’intera scaletta è un continuo susseguirsi di brani caldi ed emozionanti, con James Christian che non perde un colpo e mostra nuovamente una voce favolosa, sicuramente una delle più ricercate nel panorama AOR. Dopo un breve intro (di quelli alla Giuffria), si giunge immediatamente alla titletrack che è di certo una di quelle hit che verranno ricordate a lungo, ma davvero molto a lungo! Le successive “I Need To Fly” e “I Don’t Wanna Wait All Night” sono pura manna dal cielo e la seguente “Another Day From Heaven” è una di quelle canzoni che esaltano il rock melodico nel miglior modo possibile, insomma un vero capolavoro. Altra hit da urlo è “The Dream”, puro miracolo musicale piazzato a metà tracklist probabilmente con la volontà di non farci prendere fiato nemmeno un secondo. La punta di diamente degli House Of Lords rimane sempre il singer Christian, che con prestazioni stellari regala emozioni immense canzone dopo canzone, e anche quei brani più poveri dal punto di vista creativo (“In A Perfect World” e “One Foot In The Dark”) diventano importanti con linee vocali sempre di altissimo livello ed un lavoro corista all’altezza del genere. Da non dimenticare “I Believe”, in cui una partitura di basso da capogiro ed un groove sopra ogni livello mantengono alta l’intensità e la continuità del disco fino alle ultime song. Insomma, “Come To My Kingdom” è un album intenso dal primo all’ultimo secondo e s’impone sicuramente come uno dei migliori prodotti AOR degli ultimi anni. Disco che merita davvero di essere usurato dai vostri stereo: onore agli House Of Lords!

Tracklist:
1. Purgatorio Overture No.2
2. Come To My Kingdom
3. I Need To Fly
4. I Don’t Wanna Wait All Night
5. Another Day From Heaven
6. In A Perfect World
7. The Dream
8. One Foot In The Dark
9. Your Every Move
10. I Believe
11. One Touch
12. Even Love Can’t Save Us
13. In The Light
14. Another Day From Heaven (Acoustic remix – Europe bonus)

Line-up:
James Christian: lead vocals, keyboards
Jimi Bell: lead guitar
BJ Zampa: drums
Chris McCaville: bass guitar

Sito ufficiale: www.jameschristianmusic.com
Disco distribuito in Italia da Frontiers Records – www.frontiers.it

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *