Slider by IWEBIX

Aesma Daeva – The Thalassa Mixes (2008)

Pubblicato il 15/01/2009 da in Demo | 0 commenti

Titolo: The Thalassa Mixes
Autore: Aesma Daeva
Genere: Symphonic Metal
Anno: 2008
Voto: 5.5

Visualizzazioni post:109

Il mare ha sempre esercitato un’influenza enorme sull’animo umano: la sua vastità, il suo moto perpetuo, le sue profondità oscure ed inesplorate da sempre affascinano l’Uomo, che sul mare ha composto canzoni, libri, film e che sin dall’antichità lo ha popolato di mostri, dèi e creature mitologiche. Anche i greci Aesma Daeva vogliono dire la loro sull’argomento con questo “The Thalassa Mixes”, minicd di quattro brani che esplora le profondità sottomarine. La band però si adatta al mare come se esso fosse sempre calmo e piatto, rilassante, con una musica incline all’essere cullati tra le onde mentre si sonnecchia. I quattro brani del minicd sono estremamente lunghi (quasi cinque minuti il più corto), alla lunga soporiferi, se escludiamo le chitarre elettriche della conclusiva “The Loon – Swamp Mix”, il brano sicuramente più heavy del lotto e quello meglio riuscito nonostante l’abuso della doppia cassa. La voce della cantante Lori Lewis ben si adatta al clima di metal sinfonico ed atmosferico che la band ci vuole far vivere, ma manca quasi interamente il pathos tra voci lontane, minuti interi di silenzio, strumenti particolari come il flauto e i canti delle balene. Tutto estremamente poetico, per carità, ma lontano dai nostri palati borchiati trita-metallo. “The Thalassa Mixes” è un viaggio calmo tra le profondità del mare, una sorta di musica new age che solo lontanamente potrà piacere agli estimatori del metal sinfonico.

Tracklist:
1. Tisza’s Child – Sunken Cathedral
2. The Garden I Long For
3. The Loon – Thalassa
4. The Loon – Swamp

Lineup:
Lori Lewis: Vocalist
John Prassas : Composer/Guitar
Chris Quinn: Bass Guitar
Michael Platzer: Lyricist

Guest:
Kostas Grigoreas: Acoustic guitar on “The Graden I Long For”

Sito ufficiale: www.aesmadaeva.com
Distribuzione italiana Club Inferno – www.club-inferno.org

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *