Slider by IWEBIX

Ancient Dome – Human Key (2009)

Pubblicato il 26/03/2009 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Human Key
Autore: Ancient Dome
Genere: Thrash Metal
Anno: 2009
Voto: 7-

Visualizzazioni post:375

La band lombarda nasce nel 2000 e, dopo cambi di line-up, riesce a produrre nel 2005 il primo lavoro su disco. Il sound del gruppo abbandona presto il classic metal per approdare agli anni Ottanta del thrash: band di riferimento sono ovviamente Metallica, Testament, Megadeah e tutti quelli del genere. Dopo molte partecipazioni come guest, gli Ancient Dome riescono a trovare un contratto con la Punishment 18 Records e a realizzare il primo album.
La prima impressione, ascoltando la traccia iniziale “Ancient Dome”, è di avere tra le mani un bel disco thrash della classica “old school”. Veloce e grezzo, ma con una discreta melodia di fondo e i cori urlati che attestano la volontà del gruppo (“Ancient Dome of thrash, the sound you can’t forget”). La seconda “State Of Regression” è un altro pezzo tirato, ma che suona troppo devoto ai Testament del passato. Inizia da qui una serie di cinque pezzi che compongono “The Human Key Saga”: dopo un brevissimo intro parlato (The Defeat) tocca a “Tyrants”: si rimane sullo stesso binario delle due precedenti tracce, anche se si nota un songwriting più articolato. Più lenta nei primi attimi, “Human Key” si trasforma in un altro pezzo tirato, ma con molti cambi di ritmica, che rendono questo uno dei momenti migliori del disco. La parte centrale è inoltre caratterizzata da assoli e armonizzazioni tra le due chitarre, che vengono riprese nella parte finale in fade-out. Ottima parte strumentale in “Aeons”, brano che spezza a metà i disco: il riff iniziale è molto convincente, le parti di assolo melodiche. Termina questa serie “Fall Of The Dominion”, con la stessa carica delle altre ma con un’attenzione particolare ai cambi e lievemente più intricata. Quasi un lento “Cold September”, grazie alla strofa con chitarra acustica, che si apre per il ritornello e nella parte finale degli assoli. Si cresce come qualità nei successivi due pezzi, dove la band riesce a mescolare in parti uguali potenza e melodia, ma è soprattutto in “Architect Of Dream” che gli Ancient Dome ci mostrano la loro capacità compositiva. Chiude il disco “Total Command”, dove si ritorna al thrash classico in stile primi Metallica.
In conclusione, si tratta di un buon album, che sarà la gioia degli amanti intransigenti del genere. Gli Ancient Dome sono dei musicisti in gamba, ma devono forse trovare una loro dimensione: la troppa vicinanza alle band sopra citate fa abbassare l’interesse. Anche per quanto riguarda la registrazione, la band ha ricercato un suono che poteva andare bene venti anni fa: è il caso anche per il thrash di trovare nuova vita. A parte queste osservazioni tecniche, la band è certamente di buon livello: un altro ottimo prodotto nazionale.

Tracklist:
01. Ancient Dome
02. State of Regression
03. The Defeat
04. Tyrants
05. Human Key
06. Aeons
07. Fall of the Dominion
08. Cold September
09. Lost Creature
10. Architect of Dreams
11. Total Command

Lineup:
Paolo Porro – Chitarra e voce
Alessandro Fontana – Chitarra
Matteo Cuzzolin – Basso
Giorgio Alberti – Batteria

Sito Ufficiale: www.ancientdome.com
MySpace: www.myspace.com/ancientdome

Etichetta: Punishment 18 Records – www.punishmentrecords.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.