Slider by IWEBIX

Michael Kiske – Instant Clarity (1996)

Pubblicato il 14/04/2009 da in Classici | 0 commenti

Titolo: Instant Clarity
Autore: Michael Kiske
Genere: Hard Rock
Anno: 1996
Voto: 6,5

Visualizzazioni post:144

“Instant Clarity” vede la luce nel 1996 ed è l’album che segna il debutto solista di Michael Kiske dopo l’uscita dagli Helloween.
Per questo primo lavoro, Kiske chiama al suo fianco gli semisconosciuti Ciriaco Taraxes alla chitarra, Jens Mencl al basso e Kay Rudi Wolke alla batteria, ma si circonda anche di pezzi da 90 del mondo metal, come Adrian Smith (Iron Maiden) e l’ex collega negli Helloween, Kay Hansen (Gamma Ray).
Dei due mostri sacri della chitarra si sente decisamente l’influenza in “The Calling” e “New Horizons”, due tracce di puro heavy metal.
Le altre tracce spaziano dal classico hard rock (“Be True To Yourself” e “The Calling”), al pop rock melodico (“Time’s Passing By”, “Burned Out”).
In un album di Kiske però, non ci si può non soffermare sulla cosa più importante, la voce: già dall’opener “Be True To Yourself”, Michael dimostra di non averla persa, sfoggiando lunghi e potenti acuti che incantano subito l’ascoltatore. Sia che ci proponga un pezzo rock come “Hunted”, oppure un pezzo lento come la lunga “Do I Remember A Life?”, Michael sa, come al solito, emozionarci con le sue particolari ed uniche estensioni.
Kiske, si diletta inoltre egregiamente anche alla chitarra e alle tastiere, dimostrando altre qualità oltre alla sua magnifica voce.
Da segnalare la struggente ballad “Always”, che Michael dedica al batterista suicida Ingo Schwichtenberg, compagno ai tempi degli Helloween, e le particolari “So Sick” e “Thanx A Lot!”, quest’ultima con un sound di chiara ispirazione blues.

In conclusione ci si trova davanti ad un buon album rock, gradevole al primo ascolto, ma che con il tempo potrebbe catturarvi pienamente.
Rivolgendomi ai nostalgici di Kiske in versione Helloween, vi dico che se avete avuto la sfortuna (o fortuna) di ascoltare “Chameleon” delle zucche, questo “Instant Clarity” segue decisamente lo stesso andazzo. Però ricordate che questo non è più un album degli Helloween, quindi potrebbe piacervi..

Tracklist:
1. Be True to Yourself
2. The Calling
3. Somebody Somewhere
4. Burned Out
5. New Horizons
6. Hunted
7. Always
8. Thanx a Lot!
9. Time’s Passing By
10. So Sick
11. Do I Remember a Life?

Line up:
Michael Kiske – voce, chitarra, tastiera
Ciriaco Taraxes – chitarra
Jens Mencl – basso
Kay Rudi Wolke – batteria, chitarra (“Time’s Passing By”)

Ospiti:
Kai Hansen – chitarra
Adrian Smith – chitarra
Norbert Krietemeyer – flauto

Sito ufficiale di Michael Kiske: www.michael-kiske.de

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *