Slider by IWEBIX

Live srl : lancia una nuova operazione

Pubblicato il 25/08/2009 da in News | 0 commenti


Visualizzazioni post:37

Riceviamo e pubblichiamo:

Come nella migliore tradizione europea e mondiale, PER I CONCERTI CHE VERRANNO MESSI IN VENDITA D’ORA IN POI, il prezzo dei nostri biglietti in prevendita sarà inferiore al prezzo del biglietto acquistato in cassa la sera stessa dello show. Finora, chi acquistava in prevendita il biglietto di un concerto, pagava un prezzo maggiore rispetto a chi invece decideva di acquistarlo in cassa prima dello show. Bene, Live ha deciso di invertire questa tendenza.

Live vuole cambiare il corso delle cose ed agevolare gli aficionados che, con religiosa puntualità, sono sempre pronti a cliccare il primo giorno di prevendita. Quindi: chi d’ora in poi acquisterà il biglietto in prevendita, pagherà un prezzo minore rispetto a chi lo acquisterà al botteghino poco prima dell’inizio del concerto.

Per facilitarvi a capire la dinamica, a titolo esemplificativo, la prevendita dei biglietti in occasione degli shows italiani di WASP: il costo del biglietto in prevendita sarà di 25 euro+diritti, mentre 29 euro in cassa la sera prima dell’esibizione della band.

Rockol.it, portale di informazione musicale, si è mostrato interessato alla faccenda e ha intervistato Andrea Pieroni, responsabile di Live srl, che ha approfondito l’argomento. Ecco un paio di punti salienti della discussione:

“Il risparmio è questione di pochi spiccioli. Ma non è questo il punto: a noi, semplicemente, sembrava ingiusto penalizzare i nostri clienti più affezionati” -afferma Andrea Pieroni e prosegue- “Noi, come Live In Italy, lavoriamo essenzialmente con gruppi internazionali, e confrontandoci con gli altri promoter europei ed americani cisiamo resi conto come la prassi, ormai, sia questa. No vogliamo fermarci qui, però. Questa nostra iniziativa vuole essere uno stimolo per tutti glialtri operatori del circuito live, affinché in un futuro – dopo aver stipulato accordi con tutte le categorie coinvolte – si ottengano due risultati importanti. Il primo sarebbe quello di avere, in ambito di live rock, una prevendita simile a quella che caratterizza certe compagnie aeree low-cost come Ryan Air. prima compro il biglietto, quando la disponibilità è alta, meno mi costa. Meno biglietti ci sono a disposizione, più sale il prezzo del tagliando. Questo obiettivo ci permetterebbe di contrastare con forza il fenomeno del cosiddetto ‘secondary ticketing’, che per mezzo di siti come Seatwave ed altri specula su eventi al alta e altissima richiesta.”

Leggi l’articolo intero su www.rockol.it con l’intervista ad Andrea Pieroni, cliccando questo link: http://www.rockol.it/news-102485/

www.liveinitaly.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *