Slider by IWEBIX

Atreyu : tracklist del nuovo album

Pubblicato il 6/09/2009 da in News | 0 commenti


Visualizzazioni post:55

GLI ATREYU ANNUNCIANO LA TRACKLIST DEL NUOVO ALBUM, “CONGREGATION OF THE DAMNED”, IN USCITA IL 23 OTTOBRE

Dare seguito ad un disco accolto così bene da pubblico e critica quale “Lead Sails Paper Anchor”, che ha venduto oltre 315.000 copie nei soli Stati Uniti, non è facile. Quell’album ha segnato una sorta di nuovo inizio per gli Atreyu. Con il nuovo lavoro in studio “Congregation Of The Damned”, la band ha voluto proseguire il proprio sviluppo musicale, ma al tempo stesso è tornato ad una maggiore aggressività e potenza, che avevano già mostrato in passato, crescendo nella scena hardcore di Orange County, California.

Con l’economia in crisi, le calamità ambientali e le lotte internazionali, gli Atreyu – il frontman Alex Varkatzas, i chitarristi Dan Jacobs e Travis Miguel, il bassista Marc McKnight e il batterista Brandon Saller – sono riusciti a scrivere le loro canzoni più dure e salienti della loro carriera. “Congregation Of The Damned”, prodotto da Bob Marlette (Airborne, Ozzy Osbourne) e mixato da Rich Costey (Mars Volta, System of A Down, Rage Against the Machine) e in alcuni brani da Noah Shain (Endless Hallway, Sonny), arriverà nei negozi il 23 ottobre.

Atttraverso le 13 canzoni di “Congregation Of The Damned”, gli Atreyu esplorano diversi territori, compresi l’hardcore di “Stop! Before It’s Too Late and We’ve Destroyed it All”, il metal anthemico di “Carried Away” e il rock di “You Were the King Now You’re Unconscious”. Al tempo stesso non mancano di citare i gruppi con cui sono cresciuti e amano tuttora quali Black Flag, Pantera, Iron Maiden, Judas Priest e Mötley Crüe.

Benché i Nostri non abbiano dimenticato le melodie, le canzoni sono più feroci e le tematiche molto intense. “La musica è più pesante, in questo modo sono riuscito a scrivere testi più oscuri”, spiega il cantante Alex Varkatzas. “Ci sono cose molto personali qui, i miei dubbi e le mie avversioni. I gruppi che cantano di argomenti allegri hanno il loro posto. Io non canto tematiche oscure per promuoverle, ma le canto per pura catarsi. Faccio musica e per questo non divento pazzo”.

Varkatzas ritrova se stesso nei più oscuri territori di “Storm To Pass”, un brano che ha un doppio significato: la tempesta come depressione e la tempesta della guerra: “Puoi sentire arrivare la depressione, vedi te stesso scivolare in basso ma non puoi farla cessare”, dichiara Varktazas. “Sono cresciuto guardando la prima guerra in Iraq e l’invasione di molti Paesi, il che ha dato vita ad un’enorme tempesta”.

La tracklist di “Congregation Of The Damned” è la seguente: “Stop! Before It’s Too Late and We’ve Destroyed it All,” “Bleeding is a Luxury,” “Carried Away,” “Coffin Nails,” “Black Days Begin,” “Gallows,” “Storm to Pass,” “You Were King Now You’re Unconscious,” “Insatiable,” “ So Wrong,” “Ravenous,” “Lonely” e la ballata “Wait For You.”

Per promuovere il disco, gli Atreyu ogni due settimane pubblicheranno una serie di video su Internet per documentare la creazione dell’album e ripercorrere la loro oramai decennale carriera. Il primo episodio è dsiponibile su http://www.atreyurock.com, mentre il secondo verrà reso noto l’8 settembre.

www.roadrunnerrecords.it

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *