Slider by IWEBIX

The Cumshots – Just Quit Trying (2006)

Pubblicato il 6/09/2009 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Just Quit Trying
Autore: The Cumshots
Genere: Death'n'roll
Anno: 2006
Voto: 6

Visualizzazioni post:144

Avessi scritto questa recensione immediatamente dopo la prima volta che ho ascoltato il lavoro in esame dei norvegesi The Cumshots (e non spreco commenti sul monicker del gruppo) probabilmente avrebbero preso 3, senza se e senza ma. Allergico come sono alle varianti più ludiche e goliardiche del metal, sopratutto se vengono da zone nobilissime come la Scandinavia, avrei stroncato con un certo gusto una band che, già dal nome e dalle prime note, si va a collocare in un filone come il cosiddetto “death’n’roll”, creato evidentemente apposta per inserire una giusta dose di liquame e di presunta allegria (ma perchè?) in un genere per definizione rigido, serio e impenetrabile come il death. Mi si potrebbe obiettare che i primi a tentare qualcosa del genere furono gli Entombed di “Wolverine Blues”, ma sarebbe davvero troppo scomodare leggende del genere di fronte a questo “Just Quit Trying”, sopratutto perchè in quest’ultimo il fattore death è presente a malapena, molto molto sullo sfondo. Cosa troviamo dunque in questo album, e, sopratutto, perchè il 3 delle mie intenzioni si è tramutato in un 6 meritato? Da un lato abbiamo aspetti negativi a gò gò: il continuo tentavo di imitare Lemmy nelle parti vocali, titoli deprecabili come “Bitter Erection” o “Praying For Cancer” e i brani più “alticci” come la già citata opening track “Praying For Cancer”, “Last Laugh” o “Like Pouring Salt On A Slug” , che non faranno contenti nè gli ascoltatori più estremi nè chi cerca una band da mettere nello stereo durante una festa in piscina, rimanendo ibridi fastidiosi e decisamente evitabili. Dall’altro lato, però, qualcosa raggiunge la sufficienza, e brani più canonici e ricercati come la mastodontiana “Punchdrunk On Death”, “Broken” e “Baptized In Broken Glass” salvano il platter dal collasso. Nulla di eccezionale e imperdibile, ma neanche il più classico dei freesbee o dei fermacarte: ne potete fare decisamente a meno senza pentirvene e flagellarvi.

Tracklist:
1. Praying For Cancer
2. Like Pouring Salt On A Slug
3. I Drink Alone
4. Punchdrunk On Death
5. Bitter Erection
6. Last Laugh
7. Broken
8. Vomitory
9. Black Silence
10. Baptized In Broken Glass

Lineup:
Max Cargo – Voce
El Doom – Chitarra, voce
Freddie Tennessee – Chitarra
Tommy Dean – Basso
Chris Bartender – Batteria

Sito ufficiale: www.thecumshots.org

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *