Slider by IWEBIX

Stryper – Murder By Pride (2009)

Pubblicato il 13/09/2009 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Murder By Pride
Autore: Stryper
Genere: Hard Rock
Anno: 2009
Voto: 7.5

Visualizzazioni post:65

Forse non lanceranno più le Bibbie dal palco durante i loro concerti, forse avranno dismesso le divise da Ape Maia, relegando il classico giallo e nero ad un piccolo angolo della copertina, ma ciò non toglie che il nuovo album degli Stryper, il secondo dalla rinascita partita qualche anno fa e il settimo studio album in assoluto, sprizzi energia e frizzante vivacità fin dalle sue primissime note. Ciò è dovuto prima di tutto ad una produzione eccellente, alla voce di Michael Sweet, che ha mantenuto immutate le sue indiscutibili doti, e in generale ad un senso di maggior pesantezza dei riff, che si discosta leggermente dal loro stile abituale, ma che comunque non stona affatto.
Un altro elemento importante è una significativa varietà nello stile dei tredici brani proposti, che rendono “Murder By Pride” un disco per cui è difficile annoiarsi. La title-track, ad esempio, è uno di quei pezzi dai quali, come si accennava poc’anzi, trapela un certo senso di ammodernamento e di appesantimento dei suoni. A questo si contrappongono brani che, soprattutto nelle loro linee vocali e nell’uso artisticamente perfetto dei cori, richiamano maggiormente lo stile classico degli Stryper, come “My Love (I’ll Always Show)” e “4 Leaf Clover”. Non mancano poi i pezzi con tematiche religiose, il cui fulcro è probabilmente “Love Is Why”, che contiene dei brani dell’inno all’amore della prima Lettera ai Corinzi di San Paolo, ovviamente tradotta in inglese; anche il testo di “I Believe” può però essere interpretato come un inno alla fede, intesa come scambio reciproco di fiducia (io ho fede in Dio e Dio ha fede in me). Conclude tutto poi la ballad “My Love, My Life, My Flame”, un pezzo per voce, piano e arrangiamenti sinfonici in sottofondo, che da una parte sembra uno di quei lentoni che starebbero bene cuciti addosso ad Al Bano, dall’altra fa correre un lungo brivido per la schiena grazie all’intensa interpretazione di Michale Sweet, ancora una volta impeccabile nella sua esecuzione. Un ottimo ritorno alla grande quindi, per una fine estate all’insegna dei buoni sentimenti grazie ad un gruppo che, a tanti anni di distanza dal suo esordio, non ha ancora finito di stupire in positivo.

Lineup:
Michael Sweet: voce e chitarra
Oz Fox: chitarra
Tracy Ferrie: basso
Robert Sweet: batteria

Tracklist:
01. Eclipse For The Son
02. Leaf Clover
03. Peace Of Mind
04. Alive
05. The Plan
06. Murder By Pride
07. Mercy Over Blame
08. I Believe
09. Run In You
10. Love Is Why
11. Everything
12. My Love (I’ll Always Show)
13. My Love My Life My Flame

Sito ufficiale: www.stryper.com
Myspace: www.myspace.com/stryper

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *