Slider by IWEBIX

03/11/2009 : Rise Against + Thursday + Poison The Well (Milano)

Pubblicato il 30/11/2009 da in Live report | 0 commenti


Visualizzazioni post:81

03/11/2009 : Rise Against + Thursday + Poison The Well (Music Drome, Milano)

Live report Rise Against, Thursday, Poison The Well, Milano

Sono le 20:00 quando facciamo il nostro ingresso in un Music Drome non particolarmente affollato; i Poison The Well sono appena saliti sul palco e riusciamo agevolmente a raggiungere la zona delle prime file per gustarci da vicino lo show. Ammetto che si tratta di uno dei miei gruppi preferiti, ma stavolta nel mio giudizio non sarò di parte: la performance del quintetto di Miami è un po’ sotto le mie aspettative. Rispetto ai live di qualche anno fa, la band ha perso molta energia e sembra “svogliata”, nonostante la scelta dei pezzi sia ben azzeccata (molto spazio è lasciato ai brani dei dischi “You Come Before You” e “The Opposite Of December”) e l’esecuzione sia precisa. Il singer Jeffrey Moreira è un po’ sottotono e riesce a smuovere il pubblico solamente con i pezzi “storici” (è proprio “Botchla” il brano di apertura); un altro punto a loro sfavore, secondo me, è il fatto che suonino per primi, e di conseguenza sia concessa loro soltanto una mezz’ora scarsa per esibirsi, cosa che delude le persone accorse al Music Drome per vedere proprio loro. Come brano di chiusura, comunque, i Poison The Well infiammano i cuori regalandoci una superlativa esecuzione di “Nerdy”, salvandosi, come si suol dire, in corner e lasciando un ricordo abbastanza positivo di questo concerto, sebbene mi aspettassi molto di più da un gruppo considerato uno dei pilastri dell’hardcore mondiale. Voto: 6,5

Live report Rise Against, Thursday, Poison The Well, Milano

Dopo un cambio palco abbastanza rapido salgono sullo stage i Thursday, band scream/post-hardcore del New Jersey, poco conosciuta in Italia, ma che io aspettavo di vedere da anni, essendo uno dei gruppi emocore che amo di più. Già dalle prime note la band ci investe con una scarica di energia pura. Il loro impatto live è superlativo e la voce del cantante Geoff Rickly resta pulita e potente per tutti i qurantacinque minuti dell’esibizione. Il pubblico li accoglie con calore mentre si muovono come matti sul palco, regalandoci una grossa scarica di energia e riuscendo a farsi apprezzare anche da chi non li conosceva. Ascoltando i giudizi delle persone attorno a me, sento solo pareri entusiastici riguardo a questa performance. Avrei preferito una scaletta un pochino differente, con più brani dall’album “War All Time”, anche se comunque i due pezzi forti di questo disco sono eseguiti (“Division Street” e “War All The Time”). I Thursday chiudono con una “Jet Black New Year” da pelle d’oca e sinceramente mi auguro tornino molto presto in Italia, perchè sono una band che merita davvero di essere vista. Voto: 8

Live report Rise Against, Thursday, Poison The Well, Milano

Verso le 22:30 le luci si spengono e sale l’adrenalina: tantissime persone si accalcano sotto e attorno al palco. Dando uno sguardo d’insieme, il Music Drome è gremìto di persone, oserei dire che ci si avvicina al sold out, e inizia a mancare l’aria; per fortuna dopo una mezz’ora viene acceso l’impianto di aereazione. Il pubblico che mi circonda è eterogeneo: parecchie persone sui 25-30 anni, ma anche una miriade di giovanissimi (forse merito della svolta molto melodica della band?). I Rise Against iniziano il concerto osannati da tutti, proponendoci (giustamente) soprattutto brani dall’ultimo (omonimo) album. Scelta che apprezzo fino ad un certo punto, visto che il loro capolavoro resta a mio parere “The Sufferer And The Witness”: ed è proprio sulle note di pezzi tratti da questo album (ad esempio la potentissima “Chamber The Cartridge”) che i presenti, me compresa, si scatenano! Da molto tempo non vedevo un pubblico così caldo, lo stage diving impazza nelle prime file e la band si dimena sul palco eseguendo eccellentemente ogni brano in scaletta. Un’ora e mezza di puro delirio melodic-hardcore, durante la quale il cantante Tim regge benissimo e non ha alcun cedimento vocale. Ottime anche le esecuzioni di “State Of The Union” e “Paper Wings”, dall’album “Siren Song Of The Counter Culture”; per il gran finale la band ci riserva quello che può essere considerato un cavallo di battaglia, “Ready To Fall”, e il Music Drome letteralmente esplode. Un lunghissimo applauso chiude questa data milanese dei Rise Against: decisamente un concerto memorabile che mi lascia il sorriso sulle labbra per alcuni giorni e che vale decisamente il prezzo del biglietto! Voto: 10

Foto prese dai Myspace ufficiali delle band.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *