Slider by IWEBIX

Hatebreed – Hatebreed (2009)

Pubblicato il 3/12/2009 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Hatebreed
Autore: Hatebreed
Genere: Metalcore
Anno: 2009
Voto: 4,5

Visualizzazioni post:116

Quando una band rilascia un cd che, per un motivo o per un altro, cambia le proprie sorti e quelle, a volte, di un intero genere, è ovvio che le aspettative sui lavori futuri del suddetto combo siano poi massime. Questo è il caso degli Hatebreed. Innalzatisi a intoccabili del metalcore a seguito dell’uscita del capolavoro “The Rise Of Brutality”, era in pratica ovvio che un disco del genere sarebbe stato difficilmente ripetibile, nonostante il loro status li rendesse quasi obbligati a mantenere uno standard compositivo quantomeno medio-alto. Il risultato fu un mezzo passo falso come il successore “Supremacy”, il quale fa il paio con questo self-titled album. Muovendosi su velocità generalmente medio – basse, l’album palesa una certa generale mancanza di idee vincenti, le quali costringono Jamey Jasta e soci da un lato a rifugiarsi in sonorità fin troppo classiche e per questo motivo per nulla accattivanti, come nel caso di “Become The Fuse”, “In Ashes They Shall Reap” (praticamente “Destroy Everything” pt.2) o dell’autoplagio “As Damaged As Me”, e dall’altro a sperimentare con risultati a volte imbarazzanti, come nel caso della lentissima(!!!!), melodicissima(!!!!!!!) e tremendamente ruffiana “Undiminished”, la quale tra arpeggi, assoli e partiture di PIANO(!?!?!?!) suona un po’ come la “Nothing Else Matters” della band, risultando tuttavia ancor più fastidiosa di quanto non fu quel brano per i Metallica. Gli unici due pezzi veramente irrinunciabili e in your face del disco sono “Through The Horns” e la deflagrante “Merciless Tide”, certamente a prova di feriti e contusi in sede live. Tolte queste, tuttavia, il resto stenta parecchio e lo spettro del “già sentito” aleggia prepotente su tutta la durata della release. Che siano al capolinea pure loro?

Tracklist:
1. Become the fuse
2. Not my master
3. Between hell and a heartbeat
4. In ashes they shall reap
5. Hands of a dying man
6. Everyone bleeds now
7. No halos for the heartless
8. Through the thorns
9. Every lasting scar
10. As damaged as me
11. Words became untruth
12. Undiminished
13. Merciless Tide
14. Pollution of the soul
15. Escape(Metallica Cover)

Lineup:
Jamey Jasta – voce
Sean Martin – Chitarra
Frank “3-Gun” Novinec – Chitarra
Chris Beattie – basso
Matt Byrne – Batteria

Sito ufficiale: www.hatebreed.com
Myspace: www.myspace.com/hatebreed
Etichetta Roadrunner Records – www.roadrunnerrecords.it

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *