Slider by IWEBIX

En Declin – Domino / Consequence (2009)

Pubblicato il 6/01/2010 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Domino / Consequence
Autore: En Declin
Genere: Dark Rock
Anno: 2009
Voto: 7,5

Visualizzazioni post:142

Lanciati da un disco ancora acerbo ma dall’indubbia bellezza come “Trama”, il ritorno degli En Declin conferma la band ai vertici del floridissimo underground di scuola romana, probabilmente solamente un gradino sotto la sacra triade Novembre (siciliani ma ormai capitolini d’adozione), Room With A View e Klimt 1918. Continuando il discorso intrapreso dal suo predecessore, “Domino/Consequence” si snoda attraverso dodici brani di rock malinconico dalla chiarissima derivazione dark, in cui, come da tradizione, la chitarra acustica, vero e proprio trade mark della band, svolge un ruolo fondamentale. Sonoramente affini agli Opeth più melodici, ai Novembre di “Arte Novecento”, ai primi Room With A View e, per certi versi, anche a band mainstream come Staind e, soprattutto, agli Smashing Pumpkins più sperimentali (a là “Pisces Iscariot” tanto per capirci), Mao e soci deliziano i padiglioni auricolari dell’ascoltatore con brani delicati e dai suoni soffici ma ricercati, accompagnandolo in un lungo viaggio emozionale tra colori sfocati e luci soffuse. Magistralmente prodotti da Giuseppe Orlando (ormai un vero e proprio guru quando si tratta di certe sonorità), gli En Declin incastrano perfettamente arpeggi sognanti e partiture di chitarra acustica da brivido, improvvise aperture melodiche di vago sapore pop e impercettibili sfoghi elettrici, come a raccontare una dolce fiaba dal sapore un po’ amaro. Sostenuto da una tecnica assolutamente di ottimo livello, il quintetto si esalta nei frangenti più introspettivi del proprio sound, e veri e propri capolavori come l’opening – track “14 Days”, “Naive” ma soprattutto il duetto di fuoco “Consequence” e “Keyword Out Of Contest” rimangono in testa dopo la prima volta, quasi obbligando il dito a schiacciare nuovamente il tasto play una volta finito l’ascolto. Se a questi highlights aggiungiamo una seconda metà del platter affidata alla meravigliosa riproposizione di “While My Guitar Gently Weeps” dei Beatles e ad altre due gemme chiamate “The Script” e “Dipped”, la sensazione di trovarsi di fronte ad un album imperdibile (o a qualcosa di molto simile) è palese. Spento il lettore, tuttavia, il sogno svanisce, purtroppo troppo in fretta, e con esso la speranza che bands di questa classe e spessore possano avere una qualsivoglia visibilità anche oltre i confini degli appassionati di un certo modo di fare musica. Ma poi, forse, in fondo è meglio cosi.

Tracklist:
1. Fourteen Days
2. Over
3. Envied Routine
4. Naiive
5. Domino
6. Consequence
7. Keyword Out Of Context
8. Leave Apart A Sense
9. The Script
10. While My Guitar Gently Weeps (Beatles cover)
11. Dipped
12. …Fuori Contesto (Bonus Track)

Lineup:
Maurizio Tavani – Vocals
Andrea Aschi – Guitars
Daniele Carfagna – Guitars
Massimo Ciaccia – Bass
Marco Campioni – Drums & Percussions

Sito ufficiale: http://endeclin.altervista.org
Etichetta My Kingdom Music – www.mykingdommusic.net

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *