Slider by IWEBIX

Defect Designer – Wax (2009)

Pubblicato il 14/01/2010 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Wax
Autore: Defect Designer
Genere: Death Metal
Anno: 2009
Voto: 7,5

Visualizzazioni post:142

Dalle fredde terre della Siberia arrivano i Defect Designer con il loro disco d’esordio. All’attivo dal 2005, sono riusciti in poco tempo a realizzare un disco ed ottenere un contratto discografico con My Kingdom Music. Una delle difficoltà nell’abitare in una regione così “scomoda” è che nel raggio di quattormila km non esiste uno studio di registrazione, così la band si reca in Polonia all’Hertz Studio per la realizzazione del disco.
Il risultato è un lavoro che è sicuramente death metal, ma forse con alcuni inserimenti particolari. Prima traccia/intro con in evidenza le chitarre che esprimono una dose accurata di melodia, ma è già tempo per “Stillborn”. La voce di Mr.Scavenger è subito in mostra, bassa e corposa, un growl aggressivo e decisamente interessante, le chitarre sembrano lievemente in secondo piano rispetto alla potente sessione ritmica che devasta l’ascoltatore. Sprazzi brutali molto veloci si alternano alla voce in un mix complicato ma mai confuso. Spesso la seconda chitarra invece di seguire riff veloci ricerca melodiche linee che accompagnano bene il resto del gruppo, diciamo con qualche similitudine con Hypocrisy e compari del genere. La componente maggiore sembra però, soprattutto nei primi brani, venire dal brutal death tecnico e quasi progressive, con stacchi e cambi di tempo rapidissimi. Nonostante la ritmica tritaossa, ad un ascolto più attento si nota una tecnica non indifferente da parte dei chitarristi, che sono sempre in movimento sui manici dei loro strumenti; ne è una prova anche “Unsorted” che, se al primo impatto risulta un po’ anonima, è piena di spunti interessanti. Anche “Defamation” ha una discreta alternanza di velocità rabbiosa con stacchi più lenti e melodici e la sua breve durata ne fa una vera mazzata sui denti. Bisogna aspettare la traccia 6 per avere un po’ di calma, ma solo apparente: l’inizio con chitarra acustica di “Almost Ready” è seguita da un bel pezzo death con tanti tratti melodici da parte della chitarra solista. Uno dei brani migliori è “Form Of Illusions”: breve acustico all’inizio e a seguire parte cadenzata con chitarre che si intrecciano prima di una botta con l’entrata della voce. La successiva parte solistica, dimensione che non appare spesso all’interno del disco, apre il brano per ricadere poi nella profonda voce di Dmitry. Altro ottimo brano è “When You Face…”, dove i Nostri spazzano via con la tecnica e la potenza il freddo siberiano; gli stacchi e l’inserimento di parti suonate diversamente ne fanno un brano superiore agli altri. Si termina con “Idemnity”, che è lievemente più melodica e con i riff di chitarra più calmi, la sensazione è che sia più vicina al classico death metal del nord Europa.
Questo è un buon disco, traspaiono grande professionalità e tecnica da parte della band. Non è facile creare musica violenta e veloce riuscendo nell’impresa di restare puliti e non finire nel caos. La registrazione è buona anche se i suoni di chitarra, a mio parere, dovevano essere maggiormente evidenziati; per il resto l’impatto all’ascolto è quello sperato. I Defect Designer sono un gruppo che si merita un’attenzione particolare; le capacità e l’ottimo disco saranno un trampolino di lancio. Speriamo che, nonostante la lontananza, riescano a fare un giro sui palchi italiani.

Tracklist:
01. Composing The End
02. Stillborn
03. You Are No More
04. Unsorted
05. Defamation
06. Almost Ready
07. Heads
08. Vegetable
09. Choice Cuts
10. Forms Of Illusions
11. When Your Face Doesn’t Melt Snowflakes
12. Idemnity

Lineup:
Dmitry Sukhinin – Voce
Paul Grivin – Basso
Kirill Skorobogatov – Chitarra
Paul Popov – Chitarra
Victor Komarov – Batteria

MySpace: www.myspace.com/defectdesigner
Etichetta My Kingdom Music – www.mykingdommusic.net

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *