Slider by IWEBIX

Sadist – Season In Silence (2010)

Pubblicato il 12/04/2010 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Season In Silence
Autore: Sadist
Genere: Tecno Death Metal
Anno: 2010
Voto: 8.5

Visualizzazioni post:84

Oggi parliamo di una colonna portante del metal nostrano… Sì, proprio cosi, parliamo di quella band che nel lontano 1993 diede al mondo un capolavoro di nome “Above The Light” (per me da posizionare tra i dieci dischi migliori a livello mondiale, dal ’90 ad oggi).
Da quell’album passano parecchi anni tra lavori di buon livello e lavori discutibili, cambi di lineup, scioglimenti, reunion e importanti traguardi live nei festival europei, fino ad arrivare ai giorni nostri.
E proprio di quest’ultimo periodo andiamo a parlare: cosa propongono, in studio, i Sadist nel 2010?
Dunque, i Sadist di “Season In Silence” ci offrono un disco che tutti i fans e gli amanti del genere vorrebbero. Alcuni termini per definirlo? Violento, devastante, oscuro, tecnico, preciso e chi più ne ha più ne metta.
Entrando nello specifico, l’album apre le danze con un’inquietante introduzione per proseguire con “Broken And Reborn”, perfetto manifesto in stile Sadist; la successiva title track, invece, tra un ottimo tappeto ritmico del batterista Alessio e la furia cieca partorita dalla voce del mastodontico Trevor, convince subito le mie orecchie a votarlo come brano migliore del lotto.
La vena compositiva e l’ispirazione avuta nello scrivere un pezzo come “Attic And The World Of Emotions” risultano superiori alla norma, e allora come non citare “Evil Birds” come un lussureggiante tuffo nel death metal dove tecnica, ferocia e momenti macabri si fondono in un tutt’uno?
Quando “Season In Silence” giunge nella seconda metà, l’ascoltatore è già in piena estasi e “Night Owl” lo rapisce in un mondo a sé, facendolo passare attraverso “Snow Man” (gelida come il titolo richiede), “Bloody Cold Winter”, “The Abyss” e “Frozen Hands”, rilasciandolo solo dopo avergli fatto pagare un duro riscatto sulle note della malinconica strumentale “Hiberna”.
Ora, se mi è permesso, vorrei rivolgermi a tutti gli amanti del genere che spesso cercano la musica amata in ogni angolo del mondo tralasciando l’Italia: ragazzi, ascoltate questo album e capirete che spesso ciò che si cerca lontano in realtà è sotto ai nostri occhi!

Tracklist:
1) Aput
2) Broken And Rebon
3) Season In Silence
4) The Attic And The World Of Emotions
5) Evil Birds
6) Ogron
7) Night Owl
8) Snowman
9) Bloody Cold Winter
10) The Abyss
11) Frozen Hands
12) Hiberna

Lineup:
Trevor: voce
Tommy Talamanca: chitarra
Andy Marchini: basso
Alessio Spallarossa: batteria

Sito ufficiale: www.sadistribe.com
Myspace: www.myspace.com/sadistribe

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *