Slider by IWEBIX

Kurnalcool – Vì (2010)

Pubblicato il 2/06/2010 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Vì
Autore: Kurnalcool
Genere: Vì Metal
Anno: 2010
Voto: 7.5

Visualizzazioni post:75

Secondo me i Kurnalcool non aspettavano altro che il sesto album, lo aspettavano impazientemente, più del primo, più degli altri, solo per poterlo chiamare “VI”, che oltre al numero romano si legge come “Vì”, cioè vino, l’elemento che da sempre è una marcia in più del combo anconetano. Una gestazione lunga (del resto il vino invecchiato tanto schifo non ci fa) per un album pieno di materiale, diciotto tracce totali per quasi settanta minuti di musica (“sessantanove”, per la precisione, ci ha tenuto a ribadire il simpatico JayJay) che non cambiano il classico Kurnalcool sound, spostando le tematiche sul mondo del lavoro e sulle tante difficoltà che lo accompagnano, concludendo che “semo nati per fadigà”, ma anche che con una giusta “carburazione alcolica” tutto scorre meglio!
Dopo un’intro sinfonica (!) si parte alla grande con “Vì”, grandioso brano che sa di anni ’80, e a proposito di anni ’80 ecco la successiva “Kurnakkiò”, cover di “TV War” degli Accept, dove è sorprendente la somiglianza vocale di John Big George con il piccolo Udo. Si va avanti con la melodica “Propellente Libero” e con la scanzonata “T’Haidadadafà”, brano che tratta in maniera estremamente ironica il rapporto uomo-donna, prima del singolo “Reperibilità”, molto hard rock e a tratti in stile Ac/Dc, già in giro da un po’ e con il quale è stato realizzato anche un video ufficiale. Di nuovo tempo di cover e tocca ai grandiosi Thin Lizzy con “Toughest Street In Town”, trasformata per l’occasione in “Fave Vì E Pegorì”. Si sorride ancora pensando alle tradizioni rurali di “Metal Mezzadro” e tra una song e l’altra ne approfittiamo per tirare il respiro e parlare dei punti di forza dei Kurnalcool, dove troviamo ottimi musicisti nonostante la goliardia di fondo e dove a mio parere è sempre vincente l’utilizzo della doppia voce di John Big George e Ricky Tiger, proprio grazie alle loro profonde differenze. Il disco prosegue con “Provace Te”, dove i nostri Kurnakki protestano contro la legge antifumo sommata a quella che impedisce di bere all’esterno dei locali con un laconico “Te provace te a imbriagarte senza fumà”, prima della seconda parte del disco, contenente anch’essa qualche cover (“Esisti Con Me” dai Riot, “Rapida Della Madonna” dai Judas Priest e “I Wanna Tazz” dai Twisted Sister), assieme alla priestiana “Metal Vernaccia” (contenente un inaspettato assolo malmsteeniano) e agli auguri natalizi di “Kurn Christmas”. La recensione è piuttosto lunga, ma l’album è ricco di materiale, come sempre rigorosamente in dialetto anconetano (ma abbastanza chiaro anche per chi è “esterno” come me). La produzione è ottima, le chitarre danno un’impronta estremamente metallica a brani che sono sempre molto melodici ed immediati, anche se con così tanta scelta c’è bisogno di diversi ascolti per apprezzarli al meglio. Si potrebbe continuare ancora a lungo con tutti gli aneddoti divertenti che i Kurnakki mettono nei loro testi, ma anche qui lo spazio è tiranno, basti sapere a tutti i lettori che i Kurnalcool sono bravi musicisti, molto divertenti e che dal vivo, grazie anche all’effetto delle due batterie, sono davvero validi. La folta schiera di seguaci avrà già acquistato “Vì” ad occhi chiusi e lo consigliamo vivamente anche noi, data anche la modica cifra con cui è stata messa in vendita l’edizione digipack.

Tracklist:
1. Intro: Sacra Corale Unita Della Vergine Del Barcaglione In Salita
2. Vì
3. Kurnakkiò
4. Propellente Libero
5. T’hai Dada’dafà
6. Reperibilità
7. Fave Vì E Pegorì
8. Metal Mezzadro
9. Esisti Con Me
10. Provace Te
11. Sa D’anic
12. Pampera
13. Metal Vernaccia
14. Tetedeturpi
15. Rapida Della Madonna
16. Kurn Christmas (traditional – Rimesculated And Ristazzed)
17. I Wanna Tazz”
18. Tetedeturpi (reprise)

Lineup:
Ricky Tyger Bigwhite: vocals
John Big George: vocals
Michael Trilling: guitar
Mark Nardiello: guitar
Andreas Kleinestein: bass
Max Vortex: drums
J.J. Guasto: drums

Sito ufficiale (anche se non si direbbe): www.unofficialkurnalcool.com
Myspace: www.myspace.com/kurnalcoolvimetal

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *