Slider by IWEBIX

Mike Patton – Mondo Cane (2010)

Pubblicato il 11/08/2010 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Mondo Cane
Autore: Mike Patton
Genere: Musica Leggera
Anno: 2010
Voto: 8

Visualizzazioni post:71

Avete presente il genio? Quell’attitudine innata che porta ad eccellere in uno o più campi in maniera del tutto naturale? Ecco, questo è Mike Patton, artista a tutto tondo che non si è mai posto limiti musicali e che non dovrebbe essere ricordato solo per i Faith No More, ma anche per Fantomas, Mr. Bungle, Tomahawk, Peeping Tom e collaborazioni quasi infinite con artisti di vari generi e calibro. L’Italia piace a Mike Patton (come dovrebbe piacere, musicalmente, a chiunque) e stiamo avendo il grande piacere ed onore di ospitarlo già da parecchi anni. Qualcuno avrà fatto conoscere a Mike le nostre vecchie influenze musicali ed ecco che lui si è sentito pronto a cimentarsi con una serie di cover che nulla hanno di metal, ma che con la sua voce e con il suo stile sono rese inconfondibili. Brani degli anni ’50 e ’60, sulle note dei quali ballavano i nostri nonni e che Mike reinterpreta con un’orchestra di sessantacinque elementi (tra cui Roy Paci alla tromba), portati in tour tre anni fa ed ora usciti sull’album “Mondo Cane”, fin dal titolo omaggio all’Italia dato che porta il nome di un controverso film di Jacopetti e Prosperi. In questi brani Mike Patton parla il napoletano di Roberto Murolo, si esalta con i ritmi serrati di “Urlo Negro”, va a ripescare “Deep Down” di Morricone dal film “Diabolik” del 1968, ci fa commuovere con brani sentimentali (e anche un po’ angoscianti) come “L’Uomo Che Non Sapeva Amare” o “Ti Offro Da Bere” o “Quello Che Conta” di Tenco. Ma sopratutto Mike Patton, americano della California, ci fa scoprire o riscoprire un patrimonio artistico e musicale infinito, che magari non ascolteremo mai più ma che ha un valore inestimabile e che tutto il mondo ci invidia. Vale la pena, nella sporadiche date dell’istrione Patton, di seguirlo anche dal vivo, considerando anche tutti i brani che sono stati lasciati fuori come “Pinne, Fucile Ed Occhiali”, “Legata Ad Un Granello Di Sabbia”, “Canzone” di Don Backy (un vero rocker dei tempi che furono!) o “Dio Come Ti Amo” di Modugno. Un disco davvero originale per un artista ancora una volta straordinario.

Tracklist:
01. Il Cielo In Una Stanza (Gino Paoli – Mina)
02. Che Notte! (Fred Buscaglione)
03. Ore D’Amore (Fred Bongusto)
04. Deep Down (Ennio Morricone)
05. Quello Che Conta (Luigi Tenco)
06. Urlo Negro (The Blackmen)
07. Scalinatella (Roberto Murolo)
08. L’Uomo Che Non Sapeva Amare (Nico Fidenco)
09. 20 KM Al Giorno (Nicola Arigliano)
10. Ti Offro Da Bere (Gianni Morandi)
11. Senza Fine (Gino Paoli)

Lineup:
Mike Patton – voce
Orchestra – tutti gli strumenti

Myspace: www.myspace.com/mikepattonofficial
Etichetta Ipecac – www.ipecac.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *