Slider by IWEBIX

Ivory Moon – Human Nature (2007)

Pubblicato il 4/01/2011 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Human Nature
Autore: Ivory Moon
Genere: Metal sinfonico
Anno: 2007
Voto: 7

Visualizzazioni post:173

Dopo un coraggioso EP ed un ottimo primo album, gli italiani Ivory Moon s’impongono nuovamente sugli scaffali dei negozi con questa nuova fatica, “Human Nature”; registrato nella capitale, il disco segue il sound annunciato nei due lavori precedenti e quindi rimangono forti le influenze di band come Epica e Nightwish (per citarne solo due) senza però raggiungere così alti livelli, sia in quanto a produzione che ad innovazione. Troviamo dunque in primo piano un’ottima voce femminile, improntata su uno stile lirico, come d’altronde oggigiorno va molto di moda e da questo terzo disco gli Ivory Moon intrecciano alla splendida voce di Cecilia Serra quella mascolina di Sandro Manicone. Una novità rispetto al passato che dimostra una maggior accuratezza nella propria musica, una ricerca che ha portato risultati sicuramente superiori agli anni precedenti, dallo studio di tecniche prog ad una maggior attenzione per tutte le altre componenti musicali. Grazie a queste innovazioni il disco appare meno noioso e più variegato nello stile e riesce, soprattutto, a differenziarsi dalla maggior parte delle altre band che hanno intrapreso lo stesso cammino, senza però (purtroppo), avvicinarsi minimamente ai già citati Epica e Nightwish; ma fare i paragoni è forse inutile, perché, ad ogni modo, gli Ivory Moon hanno talento da vendere. Un talento ampiamente dimostrato nell’opener “Crimson Horizon”, song spezza fiato vanitosa di un eccellente power sinfonico, arricchita dalle ottime prestazioni di Sandro Manicone e del batterista (impazzito in questo brano) Emanuele Valabrega. Le successive canzoni risultano vincenti grazie alle straordinarie atmosfere buie e malinconiche create dalle mescolanze di voci e pianoforte. Il sound prosegue su questa rotta, accentuandosi a piccole dosi su momenti più metal e muscolosi, ma senza mai perdere il filo logico dell’atmosfera ricercata. Ottime (a mio avviso le migliori) “Clown In The Mirror” e “Goldoda”, molto più imponenti rispetto al resto della scaletta, di puro stampo maideniano la prima e nightwishano (come suona male detto così…) la seconda; proprio in quest’ultima è da evidenziare una prestazione mozzafiato di Cecilia Serra. Alcune delle altre songs risultano come delle buche lungo la strada o incidenti di percorso per la loro fievole identità, ma, mettendo il tutto su una bilancia, il risultato è certamente più che positivo. Abbiamo tra le mani (e soprattutto nelle orecchie), un discreto lavoro, profondo sia nel sound che nei testi, un album che verrà sicuramente apprezzato dagli amanti del genere e da tutti quelli che, come me, alzano sempre il pollice nell’ascoltare una band italiana che mostra volontà, coraggio e soprattutto capacità per emergere dalla folla delle band che seguono la strada verso il successo.

Tracklist:
1. Crimson horizon
2. In the deep forest
3. Wasted time
4. Reign of time
5. Clown in the mirror
6. Golgotha
7. The second king
8. Through different eyes
9. Phantom ship
10. Overflow
11. The journey

Line up:
Cecilia Serra: vocals
Sandro Manicone: vocals
Davide Calisse: lead guitar
Fabrizio Zucchini: guitars
Fabrizio Sclano: bass guitar
Filippo Natoli: keyboards
Emanuele Valabrega: drums

Sito ufficiale: www.ivorymoon.it
Disco distribuito da Frontiers Records – www.frontiers.it

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *