Slider by IWEBIX

Axevyper – Axevyper (2010)

Pubblicato il 10/03/2011 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Axevyper
Autore: Axevyper
Genere: Heavy Metal
Anno: 2010
Voto: 6/7

Visualizzazioni post:84

Dovessimo giudicare l’attitudine non ci sarebbero esitazioni: voto 10 agli Axevyper. Perchè nei loro comportamenti, nelle loro pose, nella copertina, nei testi delle canzoni e nella splendida ignoranza della loro musica c’è “IL” metallo, quello più puro ed intransigente, quello che non ammette repliche, che ti dà quasi fastidio con la sua chiusura mentale e il suo sentirsi (o essere?) superiore a qualsiasi altro genere. E’ giusto però parlare del debutto degli Axevyper in maniera più obiettiva, partendo dalla storia della band, che è fresca fresca (qui siamo appunto al debut album) ma che affonda le radici nei disciolti Assedium, da dove arrivano il chitarrista Guido Tiberi e il cantante Luca “Fils” Cicero. Dieci brani in questo disco, dieci omaggi al grande heavy metal degli anni ’80, guardando alla sponda americana di Omen, Manilla Road e primi Manowar, a quella europea di Running Wild, Accept e Iron Maiden e a quella italiana di Domine e Strana Officina. Tanti i brani che promettono sfracelli in sede live, come la titletrack, l’opener “Revenge Of The Axe” o “Poserkiller”. Graditi ospiti George Call (Aska, Omen) su “Immortal Steel” e Tann dei portoghesi Ironsword su “Roadster”. Molto particolare “Bad Italian Boys”, vero e proprio inno all’italianità con tutti i pro e contro del caso, e bella la conclusione in lingua italiana di “Non E’ Finita Qui”, che invita a seguire sempre i propri sogni con il dovuto menefreghismo nei confronti di chi non ti capisce. Difficile dare un voto alto ad una band che comunque è fortemente derivativa e non lo nasconde affatto. Va detto che, nonostante la bontà del lavoro, ci sono ancora ampi margini di miglioramento e che la voce di Fils può essere davvero la “croce o delizia” di questa band per il suo timbro particolare che facilmente potrà dividere gli ascoltatori. Resta molta curiosità per il mini “Angeli D’Acciaio” in lingua italiana, uscito proprio in questi giorni, di cui “Non E’ Finita Qui” rappresenta un po’ la prova generale. Voto finale sicuramente positivo e da parte nostra tifo sfrenato per il lucertolone poserkiller.

Tracklist:
1. Revenge of the Axe
2. Rats in the Walls
3. Poserkiller
4. Immortal Steel
5. Roadster
6. Axevyper
7. Bad Italian Boys
8. Faster than the Law
9. Forever Young
10. Non è Finita Qui

Lineup:
Luca Cicero – Vocals
Guido Tiberi – Guitar
Damiano – Guitar
Andrea Tognetti – Bass
Filippo Belli – Drums

Myspace: www.myspace.com/axevyper
Etichetta My Graveyard Records – www.mygraveyardproductions.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *