Slider by IWEBIX

Red Warlock – Serve Your Master (2010)

Pubblicato il 14/05/2011 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Serve Your Master
Autore: Red Warlock
Genere: Heavy Metal
Anno: 2010
Voto: 9

Visualizzazioni post:167

Debutto sulla lunga distanza per i Red Warlock, band sarda che approda ai lidi della My Graveyard, etichetta attenta a non farsi sfuggire un gruppo che ha qualità davvero elevate. Dopo un paio di demo, datati 2006 e 2009, i Nostri portano alla luce questo disco, recuperando pezzi dai precedenti lavori e aggiungendo qualcosa di nuovo.
L’oscura copertina introduce nel mondo dei Red Warlock, fatto di sano heavy metal con una quantità di sfumature impressionanti, una pietra preziosa che sprigiona colori e sensazioni ogni volta che si prova ad ascoltarlo. Questo non toglie nulla all’immediatezza dei nove pezzi del disco, subito assimilabili e gradevoli fin dal primo ascolto; successivamente si vanno a ricercare tutte quelle impressioni che la prima volta si perdono. Difficile essere breve per un disco del genere, in ogni caso si deve giustificare un voto così alto, quindi ecco qualche impressione generale.
La base di tutto è un solido e roccioso heavy che ricorda soprattutto band americane, ma non solo visto che ci sono molte deviazioni: impossibile non notare le tante influenze. Il lavoro “sporco” tocca alla sezione ritmica, precisa e al servizio di chitarra e voce: un’importanza decisiva spetta a quest’ultima, aggressiva quanto calda nei momenti giusti, con varietà nell’esecuzione ed una estensione impressionante.
Fin dalla prima “Rising From Hell” è chiaro che i Nostri ci sanno fare: una botta nello stomaco il riff iniziale e ulteriori palate in faccia con strofa e ritornello. La tecnica dei chitarristi è elevata e i ragazzi lo dimostrano con innumerevoli intermezzi/soli, senza essere però noiosi o esaltati: il tutto è sempre al posto giusto. Si rallenta un poco con “Akening”, dove heavy, epic e power (ed un solo di chitarra splendido) si intervallano per arrivare a “Sabrewolf”: stesso procedere cadenzato interpretato molto bene da Marco, che in certe parti di voce mi ricorda R.J.Dio, e solito ottimo intermezzo strumentale. Un’attenzione particolare per “Eagle Take My Hand”, una ballad per niente sdolcinata ma con tonnellate di metallo pronte ad essere rovesciate sull’ascoltatore: una prova magistrale dietro il microfono, mentre il resto della band unisce melodia a potenza. Un piccolo omaggio ai Running Wild la successiva “The Mark Of Betrayal”, complice la parte iniziale che richiama quello stile; si giunge poi all’omonima traccia “Red Warlock”, dove si torna a suonare heavy pesante con una serie di cambi molto efficaci tra il riff iniziale e lo stacco pre-strofa: a me ricorda anche qualcosa dei Nevermore di Warrel Dane. Poco più di un minuto di chitarre acustiche in “Endless Line” e si ricomincia: finale devastante con “Slave To The Master” e “Ashes And Blood”, due brani che scorrono senza problemi e mostrano una band ottima a tutte le velocità.
Un giudizio molto ma molto positivo per questi ragazzi, una delle migliori uscite sia tra band nostrane che a livello internazionale: i Red Warlock sono pronti a sfondare i timpani di tutti i metalheads del mondo. Qualità da vendere, un’aggressività come pochi altri che scaturisce sia dall’utilizzo della voce che dai suoni e dai riff dei due chitarristi. Non sono una band progressive, innovativa o che sperimenta: questo è solido e classico heavy. O forse no? Il loro particolare stile li avvicina a molti nomi storici, ma loro affrontano il tutto in modo personale. Peccato non poter dare loro il massimo dei voti: lo si deve tenere da parte per la prossiva uscita che sarà, sicuramente, altrettanto esaltante.

Tracklist:
01. Rising From Hell
02. Awakening
03. Sabrewolf
04. Eagle Take My Hand
05. The Mark Of Betrayal
06. Red Warlock
07. Endless Line
08. Slave To The Master
09. Ashes And Blood

Bonus Videoclip: Awakening

Line Up:
Marco Piu – Voce
Andrea Giribaldi – Chitarra
Gianni Corazza – Chitarra
Tony Rassu – Basso
Claudio Sechi – Batteria

Sito ufficiale: www.redwarlock.com
MySpace: www.myspace.com/redwarlockofficial
Etichetta: My Graveyard Productions www.mygraveyardproductions.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *