Slider by IWEBIX

Teorema Del Delirio – Neodea (2009)

Pubblicato il 29/05/2011 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Neodea
Autore: Teorema Del Delirio
Genere: Grunge Rock
Anno: 2009
Voto: 7

Visualizzazioni post:95

Uscito nel 2009, ma ristampato l’anno successivo, “Teorema Del Delirio” è il disco d’esordio per i milanesi Neodea. Poco heavy metal qui, anche se l’aggressività non manca alla band, che preferisce però incanalarla in direzioni più affini al grunge, facendo propria la lezione di band storiche come Soundgarden, Pearl Jam e Alice In Chains, anche se non si disdegna qualche divagazione nel progressive. Cantato totalmente in italiano, l’album ci offre un sound caldo e coinvolgente, anche se la scelta della nostra lingua, adatta alla musica leggera, ma più ostica in campo rock, offre il fianco a qualche critica, laddove Luca Colombo deve sforzarsi per far stare le parole nella metrica della canzone, con qualche accelerazione fuori luogo. Colpiscono in positivo la cura e la qualità del suono, merito del lavoro di Cristiano Santini, che oltre al lavoro di registrazione e produzione, ospita anche i ragazzi nella sua etichetta, la Black Fading Records. Come detto, ci muoviamo molto ai confini del nostro hard&heavy e segnaliamo un paio di canzoni che ci hanno particolarmente colpito (“Violet” e “Madre”), grazie anche al costante incedere del basso, spesso dimenticato in campo heavy, ma che qui esce con tutta la sua forza. Data la loro provenienza (e con essa le possibilità in campo discografico che offre Milano) e la loro tendenza “commerciale” (bruttissima parola che evoca un misto di pop e X-Factor, non pensate a questo) i Neodea potrebbero avere la possibilità di emergere. Le potenzialità e le possibilità non mancano.

Tracklist:
1. Panic TV
2. Mascara
3. 34 & 2
4. Paradisi Artificiali
5. Violet
6. Dentro
7. Madre
8. N°9
9. Deliri
10. Scorre Lento

Lineup:
Luca Colombo (voce)
Federico Valisi (chitarre)
Igor Mihalji (basso)
Emiliano Coldesina (batteria)

Myspace: www.myspace.com/neodea
Etichetta Black Fading Records – www.blackfading.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *