Slider by IWEBIX

13/06/2011 : Cinderella + Sybilla + Rain (Bologna)

Pubblicato il 21/06/2011 da in Live report | 0 commenti


Visualizzazioni post:192

13/06/2011 : Cinderella + Sybilla + Rain (Estragon, Bologna)

Live report Cinderella + Sybilla + Rain - Bologna

La vecchia principessa cede al corteggiamento e pone finalmente il suo regale piede, calzato con stivali di cristallo, sul territorio italico. È stata una lunga attesa, considerato che nei primi anni ’90 si aspettavano i Cinderella al Nord e poi la data era stata cancellata, ma alla fine quello che sembrava quasi insperabile è accaduto. E la risposta del pubblico di tutte le età è arrivata, un po’ inaspettata; in poche altre occasioni a chi scrive era capitato di vedere un Estragon, si potrebbe proprio dire, gremito in ogni ordine di posti come in questo caso. Probabilmente fra i presenti sono molti gli scettici, coloro che, alla luce di altre reunion celebrative degli ultimi tempi, temono di avere di fronte un gruppo imbolsito e tenuto insieme solo da un collante che si chiama guadagno. Come vedremo, lo scenario diventa ben presto roseo e fiabesco, come è giusto che sia.

Live report Cinderella + Sybilla + Rain - Bologna

I gregari di lusso questa sera sono due: i RAIN, che hanno al basso Gabriele Ravaglia invece che il solito Gianni Zenari, e sfogano la tensione con una manciata di pezzi realizzati nell’ultimo decennio, fra i quali non manca l’ormai onnipresente “Only For The Rain Crew”, e i SYBILLA, che pagano lo scotto di un inizio sfortunato a causa dei più classici problemi tecnici ad un amplificatore, ma poi si riscattano e realizzano una discreta performance incentrata principalmente sui propri brani. I Sybilla erano stati a suo tempo autori di un buon disco d’esordio, e probabilmente il fatto di avere suonato, direttamente negli Stati Uniti, di supporto ad Eric Brittingham ha inciso sulla loro presenza qui.

Live report Cinderella + Sybilla + Rain - Bologna Live report Cinderella + Sybilla + Rain - Bologna

Il cambio palco si protrae abbastanza a lungo, sebbene lo sfondo e lo stesso palco siano privi di fronzoli o di striscioni vari. Quando i quattro di Philadelphia salgono, sono accolti da una ovazione calorosa e anche piena di aspettative. Il brano iniziale, “Once Around The Ride”, lascia forse un po’ sorpresi (negli ultimi live ufficiali pubblicati, il compito di aprire le performance spettava di solito a “The More Things Change”). Ma questa è una serata magica, dedicata ai ricordi, e quando Tom Keifer intona il brano successivo, ovvero “Shake Me”, è immediatamente chiaro a tutti che stiamo assistendo ad un concerto eccezionale.
Già, Tom Keifer. L’intreccio delle voci fuori dall’Estragon, se da un lato insiste in parte sulla brevità del concerto, che alla fine non si protrae per più di settanta minuti, dall’altro si solleva in un coro unanime nel dichiarare che il leader dei CINDERELLA è stato autore di una prova magistrale. Non ha sbagliato una nota, ha eseguito alla perfezione tutti i brani quasi come su disco, cambiando pochissime linee vocali (a differenza di altri suoi colleghi dell’epoca, uno fra tutti Mike Tramp, che girano per i palchi molto più di quanto non faccia lui) e mantenendosi praticamente sempre su livelli che rasentano la perfezione. Chi pensava ad una principessa imbolsita e arricchita, si deve subito ricredere. Il cambio di look e l’età più matura sono solo apparenze, perché Eric Brittingham, Jeff LaBar e Fred Coury sono tornati ad essere un’unica entità, massiccia e perfettamente a proprio agio nel riprodurre i fasti di un periodo magico. Keifer, dal canto suo, delizia suonando chitarra elettrica, chitarra acustica, steel guitar (durante “Heartbreak Station”) e sax, tutto, è quasi inutile dirlo, in modo impeccabile.

Fra le moltissime emozioni che i Cinderella riescono a suscitare, le più forti sono soprattutto durante il medley composto da “Don’t Know What You’ve Got (Till It’s Gone)” e “Nobody’s Fool”, con cui anche i rocker più irriducibili corrono il grosso rischio di sciogliersi in lacrime, e durante il primo bis, una “Long Cold Winter” strepitosa, durante la quale torna in mente il fatto che nel primo periodo di attività Tom Keifer era stato paragonato a Janis Joplin. La sua voce raggiunge vette elevate e possiede un calore ed una forza immutati nel tempo. C’è ancora tempo per una versione particolarmente vivace di “Shelter Me” prima che, molto lontani dalla mezzanotte, Cenerentola raccolga gli ultimi applausi, prometta di tornare e sparisca nella sua zucca dorata. C’è la consapevolezza di avere assistito ad uno dei momenti più alti che il 2011 ci potesse riservare.

Live report Cinderella + Sybilla + Rain - Bologna Live report Cinderella + Sybilla + Rain - Bologna

Setlist Cinderella:
-Once Around the Ride
-Shake Me
-Heartbreak Station
-Somebody Save Me
-Night Songs
-The More Things Change
-Coming Home
-Second Wind
-Don’t Know What You Got (Till It’s Gone)
-Nobody’s Fool
-Gypsy Road

Encore:
-Long Cold Winter
-Shelter Me

Ecco altre foto della serata, sempre opera di Anna “Pale Star” Minguzzi.

Sybilla:

Live report Cinderella + Sybilla + Rain - Bologna

Live report Cinderella + Sybilla + Rain - Bologna

Live report Cinderella + Sybilla + Rain - Bologna

Cinderella:

Live report Cinderella + Sybilla + Rain - Bologna

Live report Cinderella + Sybilla + Rain - Bologna

Live report Cinderella + Sybilla + Rain - Bologna

Live report Cinderella + Sybilla + Rain - Bologna

Live report Cinderella + Sybilla + Rain - Bologna

Live report Cinderella + Sybilla + Rain - Bologna

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *