Slider by IWEBIX

Reys Of Lyght – Rejected (2010)

Pubblicato il 5/07/2011 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Rejected
Autore: Reys Of Lyght
Genere: Hard Rock
Anno: 2010
Voto: 6/7

Visualizzazioni post:64

Non me ne vogliano i Reys Of Lyght se li ho fatti aspettare un po’, ma ho sempre un sacco di materiale da ascoltare e i tempi si dilatano inesorabilmente… Alla fine è arrivato il momento di godermi il loro “Rejected”, full lenght uscito a dicembre 2010 ma giunto nelle terre lomelline solo nel nuovo anno.
Il disco rappresenta il debutto assoluto di questo quintetto romano (attivo dal 2008), che per la sua prima uscita discografica sceglie di percorrere la via dell’autoproduzione: affidatisi ai consigli del produttore Francesco Lenzi, i Nostri eseguono le varie fasi di lavorazione di “Rejected” nei capitolini Noise Gate Studio e TheUnderlab, per un risultato finale che piazza su supporto ottico poco più di quaranta minuti di musica.
Partendo da un hard rock d’annata, la proposta dei Reys Of Lyght mette molta carne al fuoco, presentandosi decisamente variegata grazie ai diversi elementi sonori che caratterizzano le composizioni e che spaziano attraverso le influenze dei singoli: ne deriva un album piuttosto eterogeneo che ci offre pezzi come la massiccia “Secrets”, ottima opener dal piglio heavy, l’ipermelodica “Falling Down”, pezzo ruffiano tra i migliori del lotto, e la coinvolgente “The Tower Of Lords”, anch’essa particolarmente valida dal punto di vista melodico e con un ritornello micidiale.
Da citare, inoltre, l’energia sprigionata da “All I Need” e dalla divertente “Paradise Or Hell”, oltre che dalla punkeggiante “For Your Love”. Ben suonato e ben cantato – il bravo Rey Noman è in possesso di un timbro piuttosto personale e di una bella estensione – “Rejected” si pone come album di piacevole ascolto, dinamico e multiforme, ma che proprio per il suo essere così vario potrebbe risultare di difficile assimilazione: a mio parere, occorrerebbe restringere leggermente il ventaglio delle influenze per focalizzare al meglio la via musicale da perseguire, così come una resa sonora generale un pochino più ruvida avrebbe contribuito a rendere ancora più efficaci i brani.
A conti fatti, gli aspetti positivi di “Rejected” sono in netta maggioranza rispetto a quelli meno convincenti: in attesa del secondo album, sul quale la band è già al lavoro, pollice alto per i Reys Of Lyght e per il loro disco d’esordio!

Tracklist:
1. Secrets
2. Speed Runner
3. Reject
4. Paradise Or Hell
5. Falling Down
6. Interlude
7. The Tower Of Lords
8. Icarus
9. All I Need
10. For Your Love
11. Wild Blows

Lineup:
Rey Noman – voce
Ly – chitarra
Danny Stark – chitarra
C.e.M. – basso
Oscar Capodilupo – batteria

Sito ufficiale: www.reysoflyght.com
Myspace: www.myspace.com/reysoflyght

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *