Slider by IWEBIX

Bloodbound – Unholy Cross (2011)

Pubblicato il 17/07/2011 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Unholy Cross
Autore: Bloodbound
Genere: Power Metal
Anno: 2011
Voto: 6.5

Visualizzazioni post:127

Di fronte a dischi del genere ci si sente un po’ in imbarazzo. È difficile esprimere un giudizio definito, e in questo caso sarebbe quasi necessario il voto disgiunto, come alle elezioni. Che i Bloodbound, band svedese formata da sei componenti di età compresa fra i 27 e i 39 anni (una differenza di età che in musica si fa per forza sentire, per via delle influenze diverse che ogni scampolo di generazione incontra sulla propria strada), abbiano al loro interno un potenziale non da poco, che sappiano suonare bene e che abbiano la fortuna di abitare in un paese dove il metal viene accolto con lo stesso entusiasmo con cui i sorcini accolgono Renato Zero, è indiscusso. Che però ascoltando “Unholy Cross” venga subito da pensare “Ehi, ma questa dove l’ho già sentita?” è altrettanto difficile da contestare.
Il power metal teutonico sembra essere la fonte di vita principale per i Bloodbound, al punto che la voce di Patrik Johansson, seppur sicura e perfettamente adatta al genere proposto, assomiglia in modo prodigioso a quella di Tobias Sammet. Neppure i singoli brani celano qualcosa di più che un lavoro dignitoso, ma troppe volte riascoltato. A partire dai toni crepuscolari di “Moria”, con i quali si introduce l’album, per passare attraverso le cavalcate maestose di “Reflections Of Life”, arrivando al classico tema del combattimento in “Together We Fight” (che potrebbe far venire in mente tantissime altre citazioni, ad esempio il verso “savage united we stand”, guarda caso degli Edguy), per finire alla tregua offerta dai dolci arpeggi di “Brothers Of War”, che cosa rimane? Una sensazione piacevole, perché, come già detto, “Unholy Cross” è un album ben fatto, ma anche la consapevolezza che non ci può essere nulla di più. E questo rende i Bloodbound una di quelle band che giacciono nel limbo, in attesa, forse, di un ipotetico ritorno in auge del power metal, ma che dovranno fare davvero molta fatica per imprimere il loro sigillo nella storia del genere.

Tracklist:

1. Moria
2. Drop the Bomb
3. The Ones We Left Behind
4. Reflections of Evil
5. In for the Kill
6. Together We Fight
7. The Dark Side of Life
8. Brothers of War
9. Message from Hell
10. In the Dead of Night
11. Unholy Cross

Line-up:

Patrik Johansson – voce
Tomas Olsson – chitarra solista
Fredrik Bergh – tastiere, cori
Henrik Olsson – chitarra ritmica
Pelle Åkerlind – batteria e percussioni
Anders Broman – basso

Sito ufficiale: www.bloodbound.se
Myspace: www.myspace.com/bloodboundonline
Etichetta AFM Records – www.afm-records.de

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *