Slider by IWEBIX

Karma To Burn – V (2011)

Pubblicato il 30/07/2011 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: V
Autore: Karma To Burn
Genere: Stoner Rock
Anno: 2011
Voto: 7.5

Visualizzazioni post:73

Dal lontano deserto del West Virginia (ma ci sarà il deserto in West Virginia?) sono di nuovo tra noi i Karma To Burn, attivissimi dopo la reunion e pronti ad offrirci con il nuovo “V” altri quaranta minuti circa del loro sound stoner, influenzato come non mai dalle oscure atmosfere dei maestri Black Sabbath.
I Karma To Burn sono una band davvero particolare, con la maggioranza dei brani strumentali e con una tracklist sempre estremamente curiosa per la caratteristica della band di nominare i brani con semplici numeri. Gli otto pezzi di cui si compone “V” difatti vanno dal “47” al “51”, con l’inclusione di due brani cantati dai titoli normali e della conclusiva “Never Say Die” dei Black Sabbath, eseguita magistralmente con tutto il fascino tipico della band e la polverosa proposta stoner/doom/sludge.
La partenza di “47” è delle migliori, con un ritmo pesante ma veloce al tempo stesso. Si prosegue allo stesso modo con il riff massiccio di “50”, anche se alla lunga pare un po’ ripetitivo. Molto più trascinante “48” con il suo incedere selvaggio prima dell’ottima “The Cynic”, brano cantato sorretto da un riff incalzante che fa crescere sempre più la song. Seguono nella tracklist due pezzi un po’ sottotono (“49” e “51”) prima di “Jimmy D”, forse il brano migliore dell’album, un po’ Motorhead un po’ Black Sabbath, coinvolgente e che sicuramente offrirà un grande spettacolo dal vivo. Già detto della conclusiva “Never Say Die”, aggiungiamo che la prima parte strumentale dell’album pare migliore della seconda e che i brani cantati regalano grandi emozioni. Peccato per la loro triste esclusione dal Sonisphere italiano due giorni prima dell’evento! Va detto che “V” è meno immediato del suo predecessore “Appalachian Incantation”, ma che dopo ripetuti ascolti sa affascinare ancora di più. Con un paio di brani più azzeccati il voto sarebbe stato certamente più alto: “V” non è il disco migliore della band ma ci si mantiene pur sempre su alti livelli.

Tracklist:
1. 47
2. 50
3. 48
4. The Cynic
5. 49 brano
6. 51
7. Jimmy D
8. Never Say Die

Lineup:
Daniel Davies (vocals)
William Mecum (guitar)
Rich Mullins (bass)
Rob Oswald (drums)

Myspace: www.myspace.com/karmatoburn
Etichetta Napalm Records – www.napalmrecords.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *