Slider by IWEBIX

11/11/2011 : Hammerfall + Amaranthe (Milano)

Pubblicato il 1/12/2011 da in Live report | 0 commenti


Visualizzazioni post:143

11/11/2011 : Hammerfall + Amaranthe (Magazzini Generali, Milano)

Live report Hammerfall, Milano

In questo giorno che dicono “fortunato” ho avuto finalmente l’onore di assistere ad un concerto degli Hammerfall, band power-metal svedese che ha richiamato ai Magazzini Generali un pubblico di età svariatissime: fan giovincelli, adulti e persino vetusti si assiepavano sotto le transenne o sui camminamenti superiori del piccolo locale.
L’inizio dei concerti era stabilito per le 20.00, tuttavia al mio ingresso alle 19.45 la band spalla aveva già terminato da tempo la sua performance. Ho scoperto con rammarico successivamente che si trattava degli AMARANTHE, già visti nella medesima sede come gruppo spalla dei Kamelot nel maggio di quest’anno. Il gruppo svedese ha la peculiarità dei tre cantanti: voce femminile, pulita maschile e sporca, cosa che al tempo mi ha incuriosito e colpito positivamente.

Live report Hammerfall, Milano Live report Hammerfall, Milano

Il concerto degli HAMMERFALL ha avuto inizio alle 20.00 (lasciandomi leggermente in disappunto, in quanto alle 21.30 era già terminato e il cordiale personale dei Magazzini Generali ci stava amabilmente sbattendo fuori tutti).
La cosa più stupefacente di questo concerto riguarda gli effetti di luce: sul palco era installata una grande pedana rivestita da migliaia di led luminosi che abbagliava continuamente il pubblico, creando un’atmosfera piuttosto inquietante e futuristica.

Live report Hammerfall, Milano

L’esibizione degli Hammerfall ha avuto inizio con la prima canzone del nuovo album, “Patient Zero”, avvolta da una malsana atmosfera rosso-sangue che quasi faceva apparire i musicisti come zombie.
I musicisti hanno proseguito con alcuni pezzi vecchi, intramezzandoli con tracce del nuovo album “Infected”. Particolare enfasi è stata posta nelle canzoni più amate: “Blood Bound”, “Renegade”, “Legacy Of Kings” e “The Dragon Lies Bleeding” hanno scatenato piccoli mosh nel ristretto spazio sottostante al palco, mentre i cori guidati dal cantante Joacim Cans hanno preso piede durante la ritmata e caratteristica “Let The Hammer Fall”.
Sono stati eseguiti anche due pezzi lenti ma il frontman sembrava leggermente fuori di sé, e questo si è notato in particolar modo verso la fine, quando sembrava a malapena capace di tenere gli occhi aperti.
Grandiosa conclusione è stata l’attesissima “Hearts On Fire”, il pezzo forse più noto e amato che ha visto sulla sua musica la creazione di ben due videoclip, uno più serio e l’altro umoristico. Il pubblico non ha badato molto ai clamorosi errori di Joacim Cans, che ha dimenticato pressoché tutto il testo (confermando la mia ipotesi che non fosse completamente sobrio), e l’entusiasmo è stato testimoniato dai cori feroci scatenatisi nel piccolo spazio dei Magazzini Generali.
Dopo l’usuale lancio di bacchette e plettri, i musicisti si sono ritirati e hanno lasciato agli Amaranthe il compito di distribuire autografi e foto.

Live report Hammerfall, Milano

Live report Hammerfall, Milano

Setlist:
1. Patient Zero 
2. Heeding The Call 
3. Any Means Necessary 
4. Bang Your Head 
5. Blood Bound 
6. Let’s Get It On 
7. Last Man Standing 
8. Renegade 
9. Always Will Be 
10. Dia De Los Muertos 
11. Riders Of The Storm 
12. Steel Meets Steel 
13. Legacy Of Kings 
14. Let The Hammer Fall 
15. The Dragon Lies Bleeding 
16. The Templar Flame 
17. Glory To The Brave 
18. One More Time 
19. Hearts On Fire 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *