Slider by IWEBIX

Alice Cooper – Welcome 2 My Nightmare (2011)

Pubblicato il 13/12/2011 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Welcome 2 My Nightmare
Autore: Alice Cooper
Genere: Rock
Anno: 2011
Voto: 7

Visualizzazioni post:127

Alice Cooper è uno tra i pochi artisti ad essere riuscito a sopravvivere ai trend che l’ambiente musicale ciclicamente impone. Attivo dalla metà degli anni Sessanta, ha vissuto in pieno l’esplosione del rock e l’invasione del metal, si è distinto nel periodo glam con album miliardari come “Trash” e “Hey Stoopid”, ha schivato il grunge con il bellissimo “The Last Temptation” e infine ha superato incolume il periodo del new metal irrobustendo il sound in ottimi dischi come “Brutal Planet” e “Dragontown”. Gli ultimi lavori sono stilisticamente contrassegnati da un ritorno al rock delle origini, e sulle stesse coordinate si muove il nuovissimo “Welcome 2 My Nightmare”, seguito del concept “Welcome To My Nightmare” del 1976, capolavoro assoluto di Alice Cooper. Se la prima domanda che vi viene in mente è “ma questo disco regge il paragone con il predecessore?”, la risposta è no. Non c’è niente da fare: è impossibile dopo anni (in questo caso parliamo di trentacinque anni) riuscire a ricreare un’atmosfera, uno stato d’animo o un’alchimia tra persone unite sì musicalmente, ma profondamente cambiate a livello personale. L’Alice Cooper del 2011 è una persona equilibrata che ormai ha chiuso con l’alcol e gli eccessi, ne consegue che nel nuovo disco poco si avverte di quell’atmosfera inquietante e claustrofobica che permeava brani oscuri come “Welcome To My Nightmare” o “Black Widow”; o della follia di pezzi disperati come “Years Ago” e “Steven”. Solo superando lo scoglio del “paragone” si riesce ad apprezzare il disco per quello che veramente è: un concentrato di sano rock’n’roll molto debitore ai Rolling Stones dei tempi d’oro. Il disco si apre con un lento, “I Am Made Of You”, che riprende il tema di “Steven”, rappresentando, di fatto, il brano migliore (non a caso alla chitarra c’è il virtuoso Tommy Denander). Poi però si parte in tromba con pezzi semplici ma energici come “Caffeine”, “I’ll Bite Your Face Off” (primo singolo/video estratto), “Runaway Train”, “The Congregation” e la divertente “Ghousl Gone Wild”. Nel viaggio attraverso l’incubo ci si imbatte anche in brani insoliti e originali come “Last Man On Earth” (in stile charleston) e “Disco Bloodbath Boogie Fever” (un pezzo di disco music) che creano quell’effetto di teatralità che caratterizzava il primo capitolo. Sul finale c’è spazio anche per una ballad, “Something To Remember By”, che come sempre non tradisce le aspettative dei fans ormai abituati ai lentoni di Alice. La chiusura spetta invece a “The Underture”, brano strumentale e sorta di medley con i temi principali di “Welcome To My Nightmare 1 e 2”. Da encomio come sempre la prestazione vocale di Alice, che non risente per niente del tempo. Più ordinaria invece la prestazione dei numerosi ospiti che hanno collaborato al disco, tra cui vale la pena citare Michael Bruce, Dennis Dunaway, Neil Smith e Steve Hunter, compagni di Alice agli inizi della carriera. L’impressione generale è che forse si poteva fare di più, trattandosi del seguito di un disco molto importante per la carriera di Alice Cooper e la storia del rock in generale. D’altra parte cosa si può ancora chiedere a un artista che in oltre quarantacinque anni di carriera ha dato anima e corpo per la causa del rock’n’ roll? Godiamoci il disco, togliamoci il cappello e ringraziamo ancora una volta lo zio Alice.

Tracklist:
1. I Am Made of You
2. Caffeine
3. The Nightmare Returns
4. A Runaway Train
5. Last Man on Earth
6. The Congregation
7. I’ll Bite Your Face Off
8. Disco Bloodbath Boogie Fever
9. Ghouls Gone Wild
10. Something to Remember Me By
11. When Hell Comes Home
12. What Baby Wants (feat. Ke$ha)
13. I Gotta Get Outta Here
14. The Underture

Lineup:
Alice Cooper – voce

Ospiti:
Ke$ha (Voce ospite su “What Baby Wants”)
Rob Zombie (Cori su “The Congregation”)
Kip Winger (Cori su “Ghouls Gone Wild” e “The Congregation”)
Vicki Hampton (Cori)
Wendy Moten (Cori)
Steve Hunter (Chitarra su “Something to Remember Me By”, “When Hell Comes Home” e “What Baby Wants”)
Keith Nelson (Chitarre, cori su “Caffeine”)
Pat Buchanan (Chitarre)
Michael Bruce (Chitarre, tastiere, cori su “A Runaway Train”, “I’ll Bite Your Face Off” e “When Hell Comes Home”)
Tommy Denander (Chitarre su “I Am Made of You”)
Vince Gill (Chitarra solista su “A Runaway Train” e “Gotta Get Outta Here”)
Patterson Hood (Chitarra su “Gotta Get Outta Here”)
Damon Johnson (Chitarra su “We Gotta Get Out of This Place”)
Keri Kelli (Chitarra su “We Gotta Get Out of This Place”)
John 5 (Chitarra su “Disco Bloodbath Boogie Fever”)
Dick Wagner (Co-songwriter e chitarra solista su “The Underture”)
Chuck Garric (Basso)
Dennis Dunaway (Basso, cori su “A Runaway Train”, “I’ll Bite Your Face Off” e “When Hell Comes Home”)
Jimmie Lee Sloas (Basso)
Piggy D (Co-songwriter e basso su “Last Man on Earth”)
Neal Smith (Batteria, percussioni, cori su “A Runaway Train”, “I’ll Bite Your Face Off” e “When Hell Comes Home”)
Scott Williamson (Batteria)
Jimmy DeGrasso (Batteria su “We Gotta Get Out of This Place”)
David Spreng (Co-songwriter e batteria su “Last Man On Earth”)
Desmond Child (Co-songwriter)
Jeremy Rubolino (Co-songwriter)

Sito ufficiale: www.alicecooper.com
Myspace: www.myspace.com/officialalicecooper

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *