Slider by IWEBIX

Warlock – Triumph And Agony (1987)

Pubblicato il 29/01/2012 da in Classici | 0 commenti

Titolo: Triumph And Agony
Autore: Warlock
Genere: Heavy Metal
Anno: 1987
Voto: 9

Visualizzazioni post:215

Strano destino quello dei tedeschi Warlock: nel 1987 pubblicano il loro quarto lavoro “Triumph And Agony”, l’album che li lancia nel novero dei gruppi che contano davvero, per poi sciogliersi solamente un anno dopo fra liti interne, col management e con la casa discografica; insomma, le solite storie che spesso rovinano un mondo che dovrebbe essere fatto solo di musica e passione. Per le registrazioni di quest’album il gruppo si reca a New York, anche questo a dimostrazione del cambio stilistico che la band vuole adottare: difatti, alle solite schitarrate in stile Priest /Accept e ad una sezione ritmica tipicamente teutonica, vengono abbinate delle parti melodiche che strizzano molto l’occhio alle sonorità provenienti da oltreoceano. Il lavoro paga e l’album è il più venduto della storia del gruppo, li lancia nelle classifiche e porta i cinque in tour negli U.S.A. a supporto dei Megadeth.
Bastano quindici secondi dell’opener “All We Are” per capire verso che lidi siamo indirizzati, con un ritornello azzeccatissimo che vi resterà in testa per sempre e la voce della Metal Queen Doro Pesch ad attirare tutta l’attenzione. Il brano è il più famoso, non solo del disco, di tutta la Warlock discografia e ancora oggi è un punto fisso nelle esibizioni della biondissima cantante.
La forza di questo “Triumph…” risiede però nella varietà delle canzoni presenti: se con la citata “All We Are” il gruppo mostra il suo lato più commerciale, con “Three Minute Warning” si ritorna a picchiare duro con gli urli rabbiosi della singer e i massicci riff della coppia di chitarre composta da Niko Arvanitis e Tommy Bolan. Ogni canzone possiede una propria e precisa identità, e si passa dalla rockeggiante “Metal Tango” alla più cadenzata “I Rule The Ruins”, fino all’anthemica “East Meets West” (brano che tratta della divisione della loro Germania), tutti pezzi che ogni metallaro che si definisce tale dovrebbe conoscere per bene. Ma c’è anche lo spazio per canzoni lente come “Make Time For Love” e soprattutto “Fur Immer”, ballata davvero toccante che ha il suo punto di forza nell’uso dell’idioma tedesco, un esperimento riuscito ottimamente.
Potranno essere additati come banali, non innovativi, derivativi e quant’altro, ma questi Warlock ci sapevano fare davvero e hanno creato un album perfetto: dieci canzoni per dieci autentiche gemme dell’heavy metal. Non c’è un solo valido motivo per non considerare “Triumph And Agony” fra gli album più importanti del nostro genere preferito.

Tracklist:
1. All We Are
2. Three Minute Warning
3. I Rule The Ruins
4. Kiss Of Death
5. Make Time For Love
6. East Meets West
7. Touch Of Evil
8. Metal Tango
9. Cold, Cold World
10. Fur Immer

Lineup:
Doro Pesch – voce
Tommy Bolan – chitarra
Niko Arvanitis – chitarra
Tommy Henriksen – basso
Michael Eurich – batteria

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *