Slider by IWEBIX

Witche’s Brew – White Trash Sideshow (2011)

Pubblicato il 10/02/2012 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: White Trash Sideshow
Autore: Witche's Brew
Genere: Hard Rock / Stoner
Anno: 2011
Voto: 7.5

Visualizzazioni post:133

Debut album per il trio comasco dei Witche’s Brew, che condensano tutta la loro carica nell’ora circa di durata del loro “White Trash Sideshow”. La proposta dei tre ragazzi è sporca e polverosa: richiama da una parte i Black Sabbath per la loro pesantezza e i riff lenti ed ipnotici e dall’altra la scena più settantiana e psichedelica di Jimi Hendrix, non disdegnando folli jam che diventano trascinanti e godibilissime. “White Trash Sideshow” è un disco che va giù dritto, come un bicchiere di whisky in un saloon del Far West, reduci da una lunga cavalcata attraverso il deserto.
E’ strano il connubio tra due menti che paiono così distanti come quella del cantante e bassista Mirko Zonca, vera anima settantiana della band, e Mirko Bosco, che proviene dal mondo hardcore dato che suonava la chitarra nei Disper-Azione. A loro si è aggiunto in seguito il batterista Joseph Solci a completare il trio.
Nonostante quello dei Witche’s Brew sia un debut album non mancano certo le esperienze ai ragazzi, che hanno passato diversi anni negli Stati Uniti e prima del debutto hanno girato l’Europa in un lungo tour culminato nella registrazione dell’EP live “PentatonicSpeedFreaks”, prima incisione ufficiale della band. Va fatto notare che, nonostante la produzione e la resa sonora siano estremamente professionali, si è scelto di registrare la voce caricandola di effetti e lasciandola ad un volume molto basso. L’effetto finale può piacere o non piacere, ma di sicuro non passa inosservato con il lento strascicare delle vocals di Zonca, che somigliano ad una cantilena incomprensibile, come quella di chissà quale mostro che cova nel profondo. I brani migliori sono quelli dove l’inventiva dei ragazzi dà luogo a delle jam deliranti, come “Rebel Goon Blues” e “Double Trouble”. Non poteva mancare naturalmente l’edizione in vinile, priva però di due canzoni inserite solo nella versione cd. Un buonissimo debut album quindi, che vi condurrà lungo il deserto in un viaggio allucinante: assicuratevi di avere una buona scorta di bruciabudella!

Tracklist:
01. Stone Cold Killer
02. Leather
03. Rebel Goon Blues
04. The Mission
05. Seas of Shame
06. Eighty Miles Across the Sea
07. Dusk till Dawn
08. Drunkman Soul
09. Double Trouble
10. Bloody Mary
11. Revenge

Lineup:
Mirko Zonca – voce, basso
Mirko Bosco – chitarra
Joseph Solci – batteria

Guest:
Paolo Apollo Negri – hammond nelle tracce 4 e 5
Danny “Four Fingers” Favino – belch nella traccia 6

Sito ufficiale: www.witchesbrew.altervista.org
Myspace: www.myspace.com/witches.brew
Etichetta Black Widow – www.blackwidow.it

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *