Slider by IWEBIX

Jack Starr’s Burning Starr – Land Of The Dead (2011)

Pubblicato il 15/03/2012 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Land Of The Dead
Autore: Jack Starr's Burning Starr
Genere: Heavy Epic Metal
Anno: 2011
Voto: 7,5

Visualizzazioni post:191

Necessitate di comprendere il significato dell’aggettivo “epico”, o non vi soddisfa la definizione che l’enciclopedia fornisce? Oppure ne siete consci, ma non riuscite a concepire come quel termine possa essere scisso dalle due parole “heavy” e “metal”? Bene, allora la soluzione più semplice che vi si potrebbe suggerire, aggiornata all’A.D. 2011, è non farvi scappare la nuova fatica di un personaggio che non a torto è considerato uno dei pilastri del movimento heavy, quello stesso Jack Starr che aveva rivestito il ruolo di chitarrista della primigenia incarnazione dei Virgin Steele.
Lasciata la band tuttora sorretta dall’inossidabile David DeFeis e dal chitarrista che raccolse (e regge anche adesso) le sue sorti, tal Ed Pursino, Jack Starr non ha fatto mancare il suo contributo alla scena, quella che un defender non esiterebbe a definire come “true”, acciaio puro e inossidabile, se vogliamo definirlo in una qualche maniera nella nostra amata lingua. Sesto full length per i Nostri, che succede a “Defiance”, uscito nel 2009 per la Magic Circle di Mr. Joey DeMaio, edito a vent’anni di distanza dal quarto ed omonimo capitolo della saga Burning Starr, ormai risalente al 1989. Un lasso di tempo che non ha di certo intaccato la passione del chitarrista per quello che potremmo definire “true metal”, che ritorna reclamando a gran voce il ruolo che gli si confà, quello di mattatore e nome altisonante del più puro heavy made in USA.
Ad accompagnarlo ritroviamo la medesima line up di “Defiance”, con Todd Michael Hall alla voce (mi si lasci dire, colonna portante della band insieme alla figura centrale dell’axeman), Ned Meloni al basso e Rhino (proprio lo stesso di “Triumph Of Steel”, senza bisogno di altre precisazioni) alla batteria… A proposito, compaiono come guests anche Ross The Boss e David Shankle, tralasciando di specificarvi perché avete già udito o letto i loro nomi… Tutti sinonimi di qualità per chi ha fatto dell’infuocato metallo che fu la propria ragione di vita.
“Land Of The Dead” non perde occasione per sfoggiare la sua vena tagliente (verrebbe da dire “come l’acciaio”…) ed allo stesso tempo epica, introducendo davvero poco di nuovo; ma d’altronde, chi potrebbe risentirsi dei risultati? E come vogliamo metterla riguardo la ricerca di nuove sonorità o nuove idee, in modo da rimpiazzare i punti saldi del genere? Suvvia, non si tratta di un’ardua domanda che rischia di rimanere senza risposta, ma di pura retorica: pura come la proposta dei Burning Starr, che hanno realizzato quello che un fan si sarebbe aspettato! Brani come la cavalcata “Sands Of Time”, “Stranger In Paradise” o la poderosa “Warning Fire” impiegheranno pochi istanti per entrare in circolo, sostenute da refrain che non possono non stamparsi in testa senza mezze misure. Un titolo come “When Blood And Steel Collide” dovrebbe spazzar via ogni dubbio, soprattutto in virtù del fatto che giunti a questo punto del disco l’adrenalina dovrebbe aver già chiaramente preso il sopravvento, riscaldando la vena battagliera che giace quieta in ognuno di noi, nell’attesa d’esser risvegliata. Se aggiungiamo che l’ugola di Todd Hall è di quelle da urlo, capaci di emozionare sin dal primo vocalizzo, il gioco è fatto. Poche sono le regole: non aspettatevi tecnicismi, strutture intricate, arrangiamenti colossali, nuove soluzioni, ma solo ed esclusivamente una lama pronta a risvegliare i vostri sopiti appetiti metallici, di quelli che alle volte vanno ricercati nel profondo. Per concluderla in breve, tanto, ma davvero tanto metallo, di quello a stelle e strisce, che ancora oggi non smette di offrire un’ancora di salvezza a chi ancora non si è svegliato dal sogno degli 80s!

Tracklist:
1. Land Of The Dead
2. Sands Of Time
3. Twilight Of The Gods
4. Stranger In Paradise
5. Here We Are
6. Warning Fire
7. Daughter Of Darkness
8. When Blood And Steel Collide
9. On The Wings Of The Night
10. Never Again
11. Until The End

Lineup:
Jack Starr – Guitars
Ned Meloni – Bass Guitar
Todd Michael Hall – Vocals
Kenny “Rhino” Earl – Drums

Sito ufficiale: www.burningstarr.com
Etichetta Limb Music – www.limb-music.de

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *