Slider by IWEBIX

25/04/2012 : Nightwish + Battle Beast + Eklipse (Milano)

Pubblicato il 29/04/2012 da in Live report | 0 commenti


Visualizzazioni post:262

25/04/2012 : Nightwish + Battle Beast + Ekleipsi – Mediolanum Forum, Assago (Mi)

Live report Nightwish - Milano

La concomitanza della giornata festiva permette una volta tanto di potersi preparare ad una lunga trasferta meneghina con tutta calma per assistere alla seconda calata italiana dei Nightwish con Anette Olzon alla voce. Avevamo visto Anette anche tre anni fa al Palabam di Mantova, laddove agli occhi del pubblico era ancora impressa l’immagine di Tarja come cantante, un’eredità davvero pesante e con confronti inevitabili (non tutti a favore di Anette, diciamocelo…).

Ma andiamo con ordine e partiamo dalle EKLIPSE, che si esibiscono in un Forum di Assago gremitissimo e con lunghe file già dal primo pomeriggio (e immaginiamo anche da prima). La band tedesca è composta da quattro giovanissime ragazze che si esibiscono in abiti particolari dallo stile retrò e che suonano viola, violino (due di loro) e violoncello, una sorta di Apocalyptica al femminile senza però l’ausilio della batteria. Il loro look di certo attira molto, anche per via della mascherina che portano che le fa sembrare bendate, ma la proposta musicale, senza batteria e senza cantato, risulta ben poco affine all’l’heavy metal. Apprezzabile sicuramente la preparazione tecnica e coinvolgente il loro saluto all’Italia con il tema de “Il Padrino”, ma le altre cover (tra cui un brano dei Linkin Park e uno di Lady Gaga) servono solo per intrattenere il pubblico mentre si chiacchera e si sorseggia birra. Lo spettacolo deve ancora arrivare.

Con un’età media del pubblico abbastanza bassa e con tante ragazzine presenti ci pensano i BATTLE BEAST a riportare in alto il nome del Metallo! La cantante Nitte è lontana dagli standard che possiamo immaginare per le ragazze finlandesi, ma la sua grinta eccezionale ce la fa piacere sempre più pezzo dopo pezzo. L’heavy metal sprigionato dalla band è davvero poderoso: c’è da promuovere un album di debutto che si chiama “Steel” e immaginiamo che i presenti nelle prime file si siano dovuti tenere ben stretti alle transenne per evitare di essere spazzati via dall’onda d’urto della band. Classicissimo heavy metal, duro e puro, guidato da una front woman che sarebbe capace di sedare a schiaffoni le risse negli stadi. Che si può volere di più per divertirsi? Bravi e grintosissimi!

Live report Nightwish - Milano Live report Nightwish - Milano

Un grande telone con tante strisce bianche verticali cala a coprire il palco e intorno alle 21 la musica dell’intro “Taikatalvi” parte: tutto il Forum è in fibrillazione per i NIGHTWISH! La partenza è affidata al nuovo singolo “Storytime”, ma il palco ancora non si vede, il telone copre tutto e ad un certo punto ci sorge il dubbio che possa essere accaduto qualcosa che blocca il sipario. E invece no, ovviamente. I Nightwish fanno i volponi e fanno crescere ancora di più l’attesa prima del boato quando il telone cade e la band si presenta davanti al pubblico a canzone già in corso. E’ tempo che la musica sia protagonista e la band si dà da fare per ripagare il folto pubblico. Data l’immane promozione dell’ultimo album “Imaginaerum” non c’è da stupirsi che i brani presi da esso facciano la parte del leone. Per non farci dimenticare che al disco è associato anche un film di prossima uscita ecco che i Nightwish portano sul palco anche una componente visiva degna di nota, con un grande schermo a led sullo sfondo che mostra immagini particolari, che hanno il suo culmine nel faro notturno durante l’esecuzione di “The Islander”.

Live report Nightwish - Milano

Se – come accennato sopra – il primo tour dei Nightwish portava ad inevitabili paragoni, ecco che in questo frangente ci troviamo davanti ad una Anette ben più sicura, abile front-woman e sempre pronta al sorriso. Da brava svedese non manca di sottolineare che a Milano gioca il suo bomber Zlatan (Ibrahimovic), ma la valanga di fischi che riceve come risposta la fanno subito tornare sui suoi passi. Dopo una partenza a razzo i Nightwish eseguono alcuni brani con la presenza di Troy Donockley, il polistrumentista inglese già presente nel tour di “Dark Passion Play”. Il suono dei suoi caratteristici strumenti a fiato simili a cornamuse (dovrebbero essere in realtà le irlandesi “uillean pipes”) dona alla band quel tocco folk che indubbiamente fa presa ed affascina ancora di più il pubblico. Il culmine di questa parte si ha con l’esecuzione della già citata “The Islander”, seguita da “Nemo” in versione acustica.
Si accelera nuovamente prima del (finto) finale, arrivando ad una “Over The Hills And Far Away” dedicata allo scomparso Gary Moore e cantata da tutto il Forum. Se Anette ci è sembrata in palla è anche merito di un Marco Hietala che insidia seriamente il primato di “man of the band” a Tuomas Holopainen. Il biondissimo bassista ha una presenza scenica superba, si muove, canta, incita il pubblico e fa da contraltare alla voce di Anette in maniera perfetta creando un binomio solidissimo. Tuomas, dietro alla sua tastiera simil-organo, ci appare invece un po’ troppo concentrato sullo strumento e fin troppo “finlandese” nel suo modo di fare. I bravi Emppu Vuorinen e Jukka Nevalainen sono altri due elementi portanti di una band che questa sera gira davvero bene, con i fantasmi del passato che sembrano lontani.
Il rientro in scena dei Nostri è affidato ad un’altra cover a loro molto cara, “Finlandia” di Jean Sibelius. Ci avviamo verso la fine del concerto con altri due brani tratti dal nuovo disco e posti anch’essi in conclusione: la lunga “Song Of Myself” e “Last Ride Of The Day”, sulle note della quale i coriandoli piovono sul pubblico e i Nightwish terminano la loro esibizione, soffermandosi per inchini e ringraziamenti.
I visi sorridenti di Anette, degli altri componenti della band e gli applausi convinti degli spettatori sono i segni migliori di una serata che ha visto un’ottima prova da parte del gruppo finlandese, che dopo i giustificati timori captati nello scorso tour ci appare forte e convinto, ben sicuro delle proprie potenzialità e con una line-up perfettamente funzionante in ogni ingranaggio.

Live report Nightwish - Milano

Setlist Nightwish:

Taikatalvi
Storytime
Wish I Had an Angel
Amaranth
Scaretale
Slow, Love, Slow
I Want My Tears Back
Come Cover Me
The Crow, the Owl and the Dove
The Islander
Nemo
Last of the Wilds
Planet Hell
Ghost River
Dead to the World
Over the Hills and Far Away (Gary Moore cover)

Encore:

Finlandia (Jean Sibelius cover)
Song of Myself (without part 4)
Last Ride of the Day

Live report di Alessio Torluccio, correzioni della prof.ssa Maria Narducci, foto di Sabina Baron.
Si ringraziano per il supporto Ivan Gaudenzi (Metal Maniac), Simona Ugolini e Massimo Guidotti.

Di seguito altre foto dei Nightwish, tutte opera di Sabina Baron:

Live report Nightwish - Milano Live report Nightwish - Milano

Live report Nightwish - Milano Live report Nightwish - Milano

Live report Nightwish - Milano Live report Nightwish - Milano

Live report Nightwish - Milano Live report Nightwish - Milano

Live report Nightwish - Milano Live report Nightwish - Milano

Live report Nightwish - Milano Live report Nightwish - Milano

Live report Nightwish - Milano Live report Nightwish - Milano

Live report Nightwish - Milano Live report Nightwish - Milano

Live report Nightwish - Milano

Live report Nightwish - Milano
Bellezze allo stand di Metal Maniac!

Live report Nightwish - Milano
Foto di gruppo redazionale: Sabina, Ivan, Maria e Alessio (più Max che ha scattato).

Live report Nightwish - Milano
Una setlist catturata!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *