Slider by IWEBIX

Lanfear – This Harmonic Consonance (2012)

Pubblicato il 12/06/2012 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: This Harmonic Consonance
Autore: Lanfear
Genere: Power Metal
Anno: 2012
Voto: 7,5

Visualizzazioni post:199

I Lanfear sono uno di quei gruppi che esprimono l’aspetto genuino e passionale del metal. La band difatti, pur non essendo mai stata baciata dal benché minimo successo, è attiva addirittura dal 1993 e con questo “This Harmonic Consonance” arriva al sesto album di una carriera che ha sempre visto i nostri proseguire dritti per la loro strada, infischiandosene di mode e regole di mercato e producendo sempre album di indiscutibile valore.
I tedeschi hanno l’abilità di creare un ottimo mix fra le sonorità power tipiche della loro terra natìa ed il progressive più tecnico ed elaborato, aggiungendo a tutto ciò una buona dose di melodia creata dai ritornelli sempre incisivi di Nuno Fernandes (cantante di origini portoghesi, qui alla seconda prova in studio con i Lanfear) e dalle atmosferiche tastiere di Richy Seibel, mai eccessive e sempre funzionali alle sonorità di ogni canzone. Dopo una breve intro dal curioso titolo “Giorno Del Giudizio” ecco che parte veloce “Colours Of Chaos”, un ottimo brano che – insieme ad “I, Robo Sapiens” e qualche altro episodio – rappresenta la vena più semplice e diretta del gruppo, ma che comunque lascia intravedere rallentamenti e cambi di sonorità, mettendo in bella mostra la pulsante sezione ritmica formata da Jurgen Schrank dietro le pelli e Kai Schindelar al basso (noto ai più per la sua militanza nei grandissimi Sacred Steel). Già così saremmo di fronte ad un buon lavoro, ma è quando il gruppo decide di ampliare il minutaggio e di lasciarsi andare alla tecnica che questo “This Harmonic Consonance” dimostra di avere una marcia in più rispetto ad altri lavori; la parte centrale del disco è un piccolo capolavoro del prog: “The Reverend”, “Idiopathic Discreation” (il punto più alto del disco) e “Camera Silens” (con tanto di assolo di flamenco nella parte centrale) ci consegnano un gruppo che riesce a mescolare con successo influenze del passato come Fates Warning e Queensryche a sonorità sicuramente più moderne come quelle dei Symphony X, il tutto in maniera abbastanza personale grazie anche alla splendida prova di Nuno Fernandes, che dimostra di possedere un’ugola duttile e versatile. Anche la produzione appare pienamente all’altezza, risultando potente ed incisiva ma al contempo anche precisa e cristallina, andando così ad evidenziare tutta la tecnica dei cinque.
Davvero un piccolo gioiellino questo “Harmonic…”, che mi sento di consigliare solo ed esclusivamente a quelli che masticano prog tutti i giorni, poiché l’album richiede molti ascolti per essere assimilato e compreso. Per tutti gli altri meglio rivolgersi altrove: forse questo essere così di nicchia è il difetto più grande imputabile ai Lanfear.

Tracklist:
01. Giorno Del Giudizio
02. Colours Of Chaos
03. By-Product Nation
04. The Reverend
05. Idiopathic Discreation
06. Camera Silens
07. I, Robo Sapiens
08. Spectrophobia
09. Word Not Spoken
10. Disarmonic Consonance

Line-up:
Nuno Miguel De Barros Fernandes – voce
Kai Schindelar – basso
Jurgen Schrank – batteria
Markus “Ulle” Ullrich – chitarra
Richard “Richy” Seibel – tastiere

Sito ufficiale: www.lanfear.eu
Myspace: www.myspace.com/thelanfear
Etichetta Pure Legend Records – www.purelegend-records.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *