Slider by IWEBIX

Deviate Damaen : al lavoro sul nuovo album

Pubblicato il 6/07/2012 da in News | 0 commenti


Visualizzazioni post:85

Riceviamo e pubblichiamo dalla band:

DEVIATE DAMAEN ufficialmente al lavoro sul nuovo album “(RETRO)AESTETIKA DEFIBRILL-AKTION BUNKER”: respingimento artistico d’un mondo regredito all’infradito !

I Deviate Damaen, dopo l’uscita del singolo 2011 d.C. “L’Elite de Notra Merd”, scagazzata satirica contro quei salotti buoni miotrofizzatisi a suon di pugnette antiberlusconiane mentre il mondialismo ci stava mettendo in mutande, e dopo la recente apparizione del loro leader G\Ab Volgar dei Xacrestani su “La Mano di Gloria” degli amici Ianva, sono al lavoro sul nuovo long playing “(Retro)Aestetika Defibrill-Aktion Bunker”, previsto in uscita per il prossimo anno.
Titoli come “L’Antimissionar”, “Lyturgika’ss III” e “Narcissus Race” lasciano facilmente intuire quale sarà il “mood” tematico dell’album in lavorazione, col quale già dal titolo la band rivendica il suo sano cantar disprezzo per i tempacci decadenti e globalizzati che corrono.

Un brano in particolare, “Gothiko, Non Hai Capito Un Cazzo Se…”, sarà l’ennesima sborrata del suo Autore nel godersi la visione d’un ambiente musicale “gotico” vigliaccamente accarponato verso quel multiculturalismo e quegli esotismi che ora lo stanno letteralmente dissanguando di risorse, mercato e identità; quello stesso ambiente “dark”, “romantico” e “alternativo” fatto di bands radical-chic e stampa sinistrorsa che, anziché rivendicare con orgoglio i propri stilemi estetici d’appartenenza, dopo aver scherzato col fuoco del masochismo culturale, è ora destinato ad estinguersi per mancanza di spazi live e di risorse e di pubblico, e al quale resteranno in mano solo i sorrisetti ebeti e politicamente corretti aspersi in passato a chi, già in infradito, non avrebbe certo ringraziato mettendosi ad ascoltare musica per anfibiati e borchiati.

Chi pensava di contare sul fattore canizie per sbarazzarsi dei Deviate Damaen sappia che l’età media della band continua ad esser quella di sempre, il loro vocalist imperturbabilmente bello, e la sua formazione più smagliante e talentuosa che mai, spaziando dai veterani, come il chitarrista bergamasco Aby ed il polistrumentista Ark (già con Mystical Fullmoon e Labyrinthus Noctis), ai nuovi acquisti J.J. Blackstar (alias Jonathan G.Draco Dvx, Azrath-11 e già coi greci Naer Mataron), e il dotto Ille Doctor Luminis al piano classico e allo spazzolone del cesso, intento a rimarcare la storica sperimentalità sonora ed estetica della band; costui, in particolare, contribuirà alla stesura di un “centone” attraverso il quale l’opera deviatika perpetrerà la parte più aulica e identitaria della sua missione: la Memoria storica e letteraria usata come defibrillatore contro l’intontimento modernista, la confusione globalizzatrice, il Pensiero unico mondialista. In pratica, come metterlo nel culo, attraverso la musica, a quelli che vorrebbero Dante fuori dai programmi scolastici!

Oltre che del Poeta, i Deviate Damaen si faranno interpreti di autori come Petrarca, Foscolo e Tasso al fine di vulgarne e tramandarne le gesta poetiche e culturali a quei sedicenni del ventunesimo secolo che rischiano di crescere in una realtà piena di Rap e Kebab, ma scevra delle loro stesse radici culturali.
Molti scrutanti staranno già aggrottando le sopracciglia, leggendo queste poche righe: figuriamoci cosa faranno ascoltando l’album, che – peraltro – verrà ottimamente prodotto e distribuito (uscita prevista per primavera 2013 d.C.).
A questo link è possibile ascoltare in anteprima l’estratto “L’Antimissionar”

e a quest’altro avere informazioni aggiornate sui Deviate Damaen

http://it.wikipedia.org/wiki/Deviate_Damaen

Nel frattempo la band sta ripubblicando l’intera discografia sul sito www.deviatedamaen.net
dal quale sarà possibile scaricare gratuitamente e per intero ogni Opera pubblicata in passato completa di immagini, script e, naturalmente, musica.

Per info: dvracrvx_cenacvli@yahoo.it

Non disperate, o anime belle: stiamo arrivando!
G.dX & DEVIATE DAMAEN.

Annabelle Grafenberg Baciardi

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *