Slider by IWEBIX

Tyrant Eyes – The Sound Of Persistance (2011)

Pubblicato il 10/07/2012 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: The Sound Of Persistance
Autore: Tyrant Eyes
Genere: Heavy Metal
Anno: 2011
Voto: 4

Visualizzazioni post:183

Da Morlenbach, piccola cittadina nel cuore dell’Assia, Germania centrale, arrivano i Tyrant Eyes, quintetto che con questo “The Sound Of Persitance” arriva al terzo full-lenght della carriera: i più attenti forse ricorderanno il loro album precedente, “The Darkest Hour”, uscito ormai nove anni fa per la nostrana Scarlet Records. Questa volta i Nostri decidono di fare tutto da soli, autoproducendosi l’album e avvalendosi comunque della distribuzione da parte della tedesca Pure Steel Records.
Il sound del gruppo è sempre stato generalmente dedito ad un heavy/power canonico di stampo teutonico; in questo lavoro il gruppo mostra le più svariate influenze, che vanno dal thrash ad aperture iper melodiche, tenendo come principale punto di riferimento i Rage del nuovo millennio. Se questo accenno alle varie influenze può sembrare a prima vista un fattore positivo, ascoltando l’album invece si rivela essere una grossa pecca, poiché non si ha mai l’impressione di un disco, quanto più di una compilation di vari gruppi, tanto sono diversi gli stili nelle varie canzoni: basti ascoltare pezzi come “Ingratitude” e “Infraction”, distanti anni luce uno dall’altro. Anche il cantante (nonché produttore) Claudius Bormuth pare essere vittima di questa frenesia di generi, dato che lo sentiamo alternarsi fra dilettantesche parti pulite (“No Way No Limit”), toni rochi alla Peavy Wagner (“Beginning Of The End”) e ottime parti più aggressive ai limiti del growl (“Born Criminal”): insomma, è chiaro che il gruppo ha sbagliato la scelta del singer, sicuramente adatto a generi più estremi piuttosto che ad un classico heavy metal. Se tutto questo non vi basta, aggiungiamoci pure un songwriting che nel migliore dei casi risulta scontato e dozzinale, con tanto di tastiere futuristiche in sottofondo, ed otterremo la perfetta fotografia di questo “The Sound…”, disco che va a concludersi con l’allegra “Green Tiny Monsters” (un piatto omaggio alla famosa “Dr. Stein” degli Helloween) e con la lenta “Friendship”, brano cantato in tedesco che, probabilmente, vorrebbe ripercorrere le orme di “Fur Immer” dei Warlock, ma che risulta solo stonato e privo di qualsiasi pathos.
Davvero un’occasione sprecata per i Tyrant Eyes: con un disco del genere sarà veramente difficile imporsi all’attenzione di un mercato sempre più affollato. Peccato, perché qualche buona melodia e qualche buon riff è innegabile che ci siano, ma è davvero troppo poco.

Tracklist:
01. Another Ray Of Light
02. Beginning Of The End
03. No Way No Limit
04. Gravitation
05. Infraction
06. Ingratitude
07. Physically Alive
08. Born Criminal
09. Green Tiny Monsters
10. Friendship

Line-up:
Claudius Bormuth – voce
Sascha Tilger – Batteria
Marcus Amend – chitarra
Jurgen Bormuth – tastiere
Max Lassmann – basso

Sito ufficiale: www.tyrant-eyes.de
Myspace: www.myspace.com/tyranteyesmusic

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *