Slider by IWEBIX

Concerto per Oscar : il 9 settembre all’Estragon con Gli Atroci

Pubblicato il 28/08/2012 da in News | 0 commenti


Visualizzazioni post:71

CONCERTO PER OSCAR
ESTRAGON – Domenica 9 settembre 2012

Il 15 luglio 2011 Oscar Bandiera ci lasciava …
Oltre che un carissimo amico, Oscar era anche uno straordinario musicista.
Il 9 settembre 2012 renderemo omaggio ad Oscar all’Estragon di Bologna, con un concerto in suo ricordo, assieme ad alcuni fra i musicisti, ma soprattutto insieme agli amici, che hanno avuto la fortuna di essere sia amici che “colleghi” di Oscar.
L’intero incasso della serata sarà devoluto all’ANT con ingresso ad offerta libera; offerta che si potrà fare direttamente al banchetto dell’ANT che sarà presente all’ingresso dell’Estragon stesso.
A partire dalle ore 19 saliranno sul palco “Deep Purple Tribute”, “Black Roses”, “Danger Zone” per concludere la serata con “Gli Atroci”.
E’ inoltre prevista la presenza di alcuni ospiti speciali a sorpresa.

DEEP PURPLE TRIBUTE

Dall’Estragon all’Estragon….

La band nasce nel 2001 con Oscar Bandiera al basso in occasione di un concerto all’Estragon nel quale la band ha la fortuna di accompagnare il grande Ian Paice.
Successivamente si susseguono diverse date con lo stesso Paice tra il 2001 ed il 2004 in città quali Milano, Pavia, Reggio Emilia ed altre.
Oltre all’attività con Paice, la band si esibisce in innumerevoli concerti e festival nei quali, oltre al quartetto base composto da Oscar Bandiera, Trapella, Tagliavini e Magagni, si alternano Michele Luppi ed i batteristi Andrea Ge e Paolo Sburlati.
Dopo 10 anni ed in ricordo del grande Oscar Bandiera i Deep Purple Tribute si riformano e ritornano nel locale dove si esibirono per la prima volta, con un nuovo batterista ed un nuovo bassista per intrattenere il pubblico con i grandi classici delle formazioni MK2 e MK 3 dei Deep Purple.

Formazione attuale
Alessio Trapella – Voce
Max Magagni – Chitarra
Gianluca Tagliavini – Organo
Piero Onofri – Basso
Ivano Zanotti – Batteria

BLACK ROSES

Il gruppo capitanato da Max Gazzoni (ex Gli Atroci, Chroma, Fire & Water), pur con diversi cambiamenti di line-up avvenuti nel corso degli anni, è attivo sulla scena bolognese e non dal 2003 (anche se la primissima incarnazione del gruppo risale alla fine degli anni ’80).
Nel 2005 il gruppo è uno dei primi ad aderire al progetto “Bologna Rock City” e
nel 2006 incide un CD autoprodotto dal titolo “The Return Of The Black Rose” che viene presentato al pubblico il 9 dicembre dello stesso anno durante la data bolognese dei Soul Doctor, cui i Black Roses fanno da supporto.
Il CD viene bene accolto da critica e pubblico e frutta al gruppo diverse buone recensioni e l’opportunità di aprire, il 16 maggio 2007, il concerto di Glenn Hughes e Moonstone Project tenutosi all’Estragon di Bologna.
Nel 2008 i Black Roses rientrano nuovamente in studio per registrare, con la produzione artistica di Alessandro Del Vecchio (Edge Of Forever, Moonstone Project), il CD “Unleashed Dogs” che vede la luce nel 2009 edito dalla storica etichetta “New LM Records” di Ravenna e con distribuzione a cura di “Masterpiece Distribution” oltre che disponibile in download in parecchi digital stores.
Il CD riceve ottime recensioni da parte di pubblico e stampa specializzata.
Nel 2009 entrano in pianta stabile all’interno della line-up dei Black Roses, Alberto Bergonzoni e Oscar Bandiera, già con Max all’interno del progetto Fire & Water, nonché membri fondatori de Gli Atroci.
A seguito della prematura scomparsa di Oscar Bandiera nel 2011, il gruppo vive momenti di difficoltà e l’ennesimo cambio di line-up, ma la band riprende ad esibirsi a pieno regime e, grazie alla ritrovata stabilità, il 2012 la vede di nuovo protagonista ad eventi quali il “BRC Last Show”, concerto di “addio” di “Bologna Rock City” assieme ai Crying Steel e riprende ad esibirsi regolarmente dal vivo.

Formazione attuale
Max Gazzoni – Voce
Giuseppe Iovino – Chitarra
Danilo Marozzi – Batteria
Luca Zambrella – Basso

DANGER ZONE

E’ passato davvero molto tempo da quando il chitarrista Roberto Priori ha dato vita ai DANGER ZONE. Nei primi anni ’80 la band iniziò la sua attività incidendo vari demo ma anche passando attraversato numerosi cambi di line-up. Nel 1984 esce l’EP “Victim of time” su vinile, ma è con il 1987 che la band acquista una considerevole notorietà in Italia sia di pubblico che da parte dei media, confermata anche da energetiche esibizioni live in numerosi festival hard rock. Nella primavera del 1988 i DANGER ZONE suonano come gruppo spalla di una delle leggende dell’Heavy Metal mondiale, i Saxon, nel loro concerto in Italia a Verona. Grazie proprio a quella esibizione che vengono notati dal manager e promoter Francesco Sanavio che offre ai DANGER ZONE un contratto di produzione. Per avere un primo assaggio della scena Rock americana, il gruppo si trasferisce negli States dove nell’estate del ’88 tiene tra l’altro un acclamatissimo concerto in uno dei locali più famosi di Los Angels, il mitico Whiskey A Go Go. Quasi un anno dopo, nel maggio del 1989 il disco “Line OF Fire” comincia a prendere forma quando il produttore esecutivo Stephan Galfas, che aveva già prodotto album di Meat Loaf, Savatage, Stryper, John Waite e Saxon, viene coinvolto nel progetto insieme ai suoi colleghi Jody Gray e Mark Cobrin. Da Giugno a Ottobre 1989 i ragazzi danno vita ad un intensissimo periodo di sessioni di registrazione a Venezia, mentre il mixing viene fatto da Stephan Galfas a New York City con l’apporto tecnico di Noah Baron (Winger, Blackfoot) e Mark Cobrin.
Ultimate le registrazioni in studio i DANGER ZONE iniziano le prove per gli spettacoli live ed i ragazzi si preparano per il loro trasferimento a Los Angeles. A causa di interminabili negoziati con l’etichetta statunitense il tempo passa senza che succeda niente e la band comincia a perdere pezzi; i soldi iniziano a scarseggiare, costringendo i membri della band che restano a vendere parte della loro attrezzatura per pagarsi il viaggio verso gli Stati Uniti. Quando finalmente i DANGER ZONE iniziano ad ottenere una buona reputazione facendo date a ripetizione nel circuito dei Clubs della bassa California, la scena musicale di Los Angeles viene colpita duramente dalla ondata del Grunge, costringendo i DANGER ZONE a rinunciare al loro grande sogno, di farla finita e tornare a casa in Italia. Nel Gennaio 2011 I Danger Zone si riuniscono facendo finalmente uscire “Line Of Fire” e ricominciano l’attività live, mentre si apprestano a preparare l’uscita di un nuovo album entro la fine del 2012

Formazione attuale
Giacomo Gigantelli – Voce
Roberto Priori – Chitarra
Paolo Palmieri – Batteria
Roberto Galli – Basso
Antonio Capolupo – Chitarra

GLI ATROCI

Gli Atroci non sono mai nati. Gli Atroci sono sempre esistiti.
Le innumerevoli sfide contro le forze del male non lasciavano mai tregua a Gli Atroci, ma il nemico si organizzò in modo sempre più subdolo e fu così che accade quello che nessuno avrebbe mai voluto. All’Orrendo Maniscalco venne tesa con l’inganno una vile imboscata da parte di una intera legione di discotecari.
Si difese e combatté eroicamente al meglio delle sue forze, solo contro tutti, ma purtroppo dovette capitolare. Il dolore e lo sgomento per la perdita di un fiero e leale amico non bloccò tuttavia Gli Atroci.
Si tenne una solenne riunione nella quale si giurò per l’ennesima volta eterna vendetta verso coloro che avevano osato ciò che non avrebbero dovuto osare.
Il Metallo, che tutto vede e tutto guida, inviò miracolosamente nella quinta dimensione un nuovo araldo della fede chiamato Il Vichingo Maledetto per completare ciò che il Maniscalco avrebbe senz’altro completato.
La guerra non e’ ancora vinta. Mille nuove imprese attendono Gli Atroci!!!

Formazione attuale
Il Profeta – Voce e controllo delle masse
La Bestia Assatanata – Chitarra e seghe elettriche
Il Lurido Cavernicolo – Batteria e clave nodose
Il Vichingo Maledetto – Basso e corna spuntate
Il Boia Malefico – Cori, coreografie e asce insanguinate
Il Nano Merlino – Cori, coreografie e riti Voodoo

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *