Slider by IWEBIX

Kaptivity – Walk Into Pain (2011)

Pubblicato il 12/10/2012 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Walk Into Pain
Autore: Kaptivity
Genere: Death Metal
Anno: 2011
Voto: 7

Visualizzazioni post:188

Inventare qualcosa nel death metal è sempre molto difficile, e spesso cadere nella banalità o nel tentativo di emulare grandi band è molto semplice. Gli italianissimi (parmensi) Kaptivity escono con questo “Walk Into Pain” per Lo-Fi Creatures Records, cercando di dire la loro in un panorama affollato ed evitando in parte di ricalcare i difetti precedentemente citati.
Il gruppo in questo caso cerca di inserire nella sua musica molte e diverse influenze; per citare alcuni gruppi, potremmo parlare di Cannibal Corpse, Deicide, Bolt Thrower e Napalm Death.
Sicuramente la base principale è un death metal di stampo europeo con sprazzi grind e un po’ di tecnica presa in prestito dai grandi gruppi americani del genere, ma anche impatto e semplicità; il blastbeat si presenta molto di rado ed è una batteria thrasheggiante a dare il ritmo ai vari pezzi, assieme ad un basso tecnico in primo piano. Le chitarre sono le principali interpreti del disco, malevole, ronzanti e pesanti, per non parlare della voce del cantante Il Franz, ottima ( qualcuno ha detto Glen Benton?) anche se a tratti un po’ monotona. Senza sbavature la produzione, che anche se potentissima non si presenta troppo moderna, mantenendo un alone primi anni ’90 e permettendo all’ascoltatore di distinguere tutti gli strumenti.
I dieci pezzi che compongono questo disco sono tutti di qualità e mantengono alta la tensione per i circa 40 minuti di devasto sprigionato: i frequenti rallentamenti creano l’atmosfera giusta prima delle bordate che li seguono, molti riff sono strutturati bene e presentano melodie malsane che pagano dazio ai Cannibal Corpse e si sviluppano su parti più semplici; mi sono piaciute in particolare la quarta traccia, “The City Of Pain”, pezzo semplice ma che muta costantemente fino alla sua conclusione, e l’ottava, “Burning Until The End”, tra le più violente e grezze dell’album, che vede oltretutto la parecipazione di Dorian Bones (Whiskey Funeral) e Carlo Izzo (produttore dell’album) in veste di coristi d’eccezione. In conclusione non ci troviamo di fronte ad un album che cambierà la storia del death metal, bensì ad un onesto Bignami del meglio di questo genere prodotto in Europa ed U.S.A. riadattato e mescolato nello stile dei Kaptivity. Dunque una buona prova di partenza in attesa di uno sviluppo più originale da parte della band, che comunque poggia su ottime fondamenta.

Tracklist:
01. Intro
02. Kaptivity
03. Dawn Of The Immolated
04. The City Of Pain
05. Contaminated
06. Infected
07. Tortured
08. Burning Until The End
09. Obscure (Blind Path)
10. Outro (End Of Path)

Line-up:
Lorenzo – basso
Dany – batteria
Nick – chitarra
Zi – chitarra
Franz – Voce

Facebook: www.facebook.com/pages/KAPTIVITY/83720101874
Etichetta Lo-Fi Creatures – www.loficreatures.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *