Slider by IWEBIX

The Great Old Ones – Al Azif (2012)

Pubblicato il 2/11/2012 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Al Azif
Autore: The Great Old Ones
Genere: Ambient Black Metal
Anno: 2012
Voto: 7

Visualizzazioni post:186

I The Great Old Ones, sono un combo francese dedito ad un ritualistico e raffinato black metal.
I loro brani sono oscure evocazioni ai grandi antichi (divinità partorite dalla geniale mente di H.P. Lovecraft), e si snodano attraverso sei lunghe tracce con un sound melodico, avanguardistico e decisamente opprimente.
La produzione dell’album prende le distanze dal tipico sound black metal risultando cristallina, con le chitarre in primo piano ed una feroce batteria nelle retrovie a dettare i frequenti cambi di tempo caratteristici di questa band.
Anche se il cantato è piuttosto in linea con i vocalizzi tipici del genere, comunque riesce ad essere sofferente ed angosciante al punto giusto.
Le influenze dei nostri si possono trovare nel black metal sperimentale, nel depressive black e nel doom di band come Katatonia, Wolves In The Throne Room, Shining e Burzum.
Nonostante questi punti di riferimento qui non manca di certo l’originalità, spesso il gruppo riesce a spiazzarti con uno stacco jazz subito seguito da una sfuriata degna del miglior Hellammer.
La lunghezza delle composizioni non deve spaventare chi si avvicina a questo album, poichè scorrono piuttosto facilmente, grazie alla capacità di ipnotizzare l’ascoltatore e trascinarlo tra rovine megalitiche di Lovecraftiana memoria.
“Rue D’Auseil” è il pezzo che mi ha colpito maggiormente, forse non il più originale ma molto “malato”, d’impatto e con degli intrecci chitarristici riuscitissimi.
A seguire nella mia personale classifica metto la seconda traccia “Visions of R’lyeh” un altra oscura cavalcata in un antico e perduto mondo dominato da demoni innominabili, caratterizzato da melodie sinistre e urla sgraziate che tolgono ogni speranza.
Consiglio questo “Al Azif” agli amanti del black visionario,sperimentale ed originale.
Faccio un plauso a questo quintetto anche per le sopraffine doti tecniche dimostrate e per i testi dell’album, che chi ama il solitario di Providence sicuramente apprezzerà. Ya Ya Chthulu Fhatang!!!

Tracklist:
01. Al Azif
02. Visions of R’lyeh
03. Jonas
04. Rue d’Auseil
05. The Truth
06. My Love for the Stars (Cthulhu Fhtagn)

Line-up:
Sébastien Lalanne – Basso
Léo Isnard – Batteria
Xavier Godart – Chitarra
Jeff Grimal – Chitarra e Voce
Benjamin Guerry – Chitarra e Voce

Sito ufficiale: http://www.thegreatoldonesband.com
Facebook: http://www.facebook.com/thegreatoldones
Etichetta: http://www.lesacteursdelombre.net

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *