Slider by IWEBIX

Invader – Invader (2012)

Pubblicato il 23/02/2013 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Invader
Autore: Invader
Genere: Heavy Metal
Anno: 2012
Voto: 7

Visualizzazioni post:235

Le teutoniche High Roller e Pure Underground Records si stanno dando un gran daffare per scovare e rispolverare le produzioni di misconosciute ma meritevoli band ultraunderground, le cui gesta discografiche sono cadute nel dimenticatoio da molto tempo, rimanendo nella memoria di pochi appassionati attivi nello stesso periodo in cui tali gruppi cercavano di guadagnarsi un po’ di spazio. I tedeschi Scarlatyna e gli inglesi Agincourt e Trappazat sono solo gli ultimi nomi in ordine cronologico ad aver goduto di un poco di visibilità, seppur postuma, per la loro musica: per rimpolpare tale elenco di gustosi ritrovamenti, gli incaricati di Pure Underground questa volta varcano l’oceano e strappano all’oblìo il primo ed unico full lenght marchiato Invader, quartetto nato a Seattle nel 1981 ed autore anche di due demo nella seconda metà degli Eighties. Uscito originariamente nel 1992 in pieno fermento grunge, “Invader” viene interamente rimasterizzato e ristampato giusto in tempo per festeggiare la freschissima reunion della band: il disco si compone di uno US metal dai connotati classici in cui, oltre alle radici NWOBHM, sono presenti rocciosi spunti power, un tocco di epicità che non fa mai male, inserti altamente melodici e delle malinconiche tastiere ad ammantare il tutto di oscurità. Sebbene non tutti i brani si attestino sullo stesso livello, “Invader” risulta un lavoro interessante, con la chitarra di Jeff Olsen valida nei riff solidi e nelle sferzate soliste come nei passaggi meno tirati; completano il quadro una sezione ritmica energica ed abile nell’adattarsi alle diverse atmosfere dei brani e l’ugola selvaggia di Gary Cobb, artefice di vocals particolari ma che in alcuni momenti sembrano un po’ strozzate. Ultima segnalazione per la voce narrante che introduce l’opener “Master Of Suspense”: appartiene ad Alfred Hitchcock ed è estratta da un episodio di una serie televisiva del 1955. In conclusione “Invader” è un buonissimo disco, da cui indico la variopinta “Imaginary World” e le più aggressive “Living Scared” e “The Uncontrollable Fire” come i brani che apprezzo maggiormente. Nel complesso, questo album omonimo della band americana è da valutare come un piacevolissimo recupero, degno di ricevere quelle attenzioni negategli vent’anni fa. I cultori dell’heavy metal a stelle e strisce drizzino le antenne: qui c’è pane per i loro denti!

Tracklist:
1. Master Of Suspense
2. Living Scared
3. Victims Of Terror
4. Infinite Quest
5. Imaginary World
6. The Fool’s Masquerade
7. Light Me Up
8. Glass Castles
9. The Uncontrollable Fire
10. Legends

Line-up:
Gary Cobb – voce
Jeff Olsen – chitarra
Dan Hulford – basso, tastiere
Scott Kasper – batteria

Facebook: http://www.facebook.com/invadermetalusa
Etichetta Pure Underground Records – www.puresteel-records.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *