Black Veil Brides – Wretched And Divine: The Story Of The Wild Ones (2013)

Titolo: Wretched and Divine: The Story of the Wild Ones
Autore: Black Veil Brides
Genere: Alternative Metal / Alternative Rock / Screamo
Anno: 2013
Voto del redattore HMW: 7,5
Voto dei lettori:
Ancora nessun voto. Vota adesso!
Please wait...

Visualizzazioni post:1023

Lo so, sono vecchio, ma quando mi è stato proposto di recensire l’ultimo concept album dei Black Veil Brides mi è scesa la malinconia per il bel metal di una volta, quando ancora saltavo i fossi per il lungo e ai concerti pogavo come se non ci fosse un domani. Con somma fatica ho cacciato giù il magone e mi sono fatto forza per l’ascolto. Beh, sapete una cosa? “Wretched and Divine: The Story Of The Wild Ones” non è così male come pensavo! Quindi rallegratevi, o intristitevi, o fate quello che fanno di solito i ragazzini in preda all’emotività adolescenziale, ma ascoltatevi questo disco perchè merita veramente tanto. Ecco, magari se avete più di sedici anni e qualche ormone maschile in corpo l’ascolto vi farà lo stesso effetto di un pacchetto di Frizzy Pazzy (sono vecchio, ve l’ho detto) ma fidatevi, tutto sommato il prodotto merita un po’ di attenzione.

 

La storia raccontata è molto semplice: classica battaglia tra ribelli, i “Wild Ones”, e la Malvagia Organizzazione di turno, la F.E.A.R., che si impegna nel mefistofelico quanto scontato compito di controllare le menti di tutti i poveri mortali attraverso un pensiero imposto di orwelliana memoria.

 

La trama, inutile girarci intorno, è trita e ritrita, ma onestamente il tentativo dei BVB è più che apprezzabile. Abbandonati i growl e gli scream dei primi tempi, ormai usciti dal corso del mainstream, i quattro ragazzotti di Cincinnati, Ohio, si buttano su sonorità più rock, supportati dalla consueta e considerevole tecnica. Le tracce su cui si dipana il disco sono quindici, inframezzate e collegate tra loro da quattro “trasmissioni” della F.E.A.R.. Il risultato è un album apparentemente corposo, ma che in fin dei conti scivola via in bellezza. Tutto quanto suona davvero dannatamente bene. Forse troppo bene. Il sapore che rimane in bocca alla fine di ogni ascolto è quello di un prodotto di ottima fattura, ma totalmente plastificato, pianificato a tavolino in ogni sua parte e buttato in una produzione che non vede nemmeno un briciolo della passione artigiana della vecchia scuola. E’ lo showbiz baby. Dall’inizio sparato a mille, alle ballad strappalacrime (e strappamutande), ai ritornelli con annessi cori da cantare tutti insieme abbracciati in prima fila al concerto, non c’è un pezzo che sia uno che non faccia venire voglia di canticchiare. Fosse disco e fosse estate questi tizi avrebbero sbancato ogni club, spiaggia, balera e festa paesana da qui a Formentera. Aggiungiamo la piacioneria di Andy Biersack dietro al microfono e il fatto che tutti i membri di questa band sono fisicati, abbigliati e truccati per far sbavare schiere di teenager arrapate. Attacchiamoci pure l’immagine ibrida Emo/Pop/Glam/Horror/Rock/Metal perfetta per tutte le stagioni ed ecco a voi il disco perfetto della band che matematicamente non può sbagliare.

 

Perchè il disco è bello sul serio e piacerà a tutti sul serio, ma purtroppo, come un pacchetto di Frizzy Pazzy, l’ineluttabile destino che lo attende è quello di perdere il suo gusto scoppiettante davvero troppo presto.

 

E’ lo showbiz, baby.

 

Lo so, sono vecchio.

 

 

Tracklist:

1. Exordium

2. I Am Bulletproof

3. New Year’s Day

4. F.E.A.R. Transmission 1: Stay Close

5. Wretched And Divine

6. We Don’t Belong

7. F.E.A.R. Transmission 2: Trust

8. Devil’s Choir

9. Resurrect The Sun

10. Overture

11. Shadows Die

12. Abeyance

13. Days Are Numbered

14. Done For You

15. Nobody’s Hero

16. Lost It All

17. F.E.A.R. Transmission 3: As War Fades

18. In The End

19. F.E.A.R. Final Transmission

 

Line-up:

Andy Biersack – Voce

Jake Pitts – Chitarra

Ashley Purdy – Basso, seconda voce

Jinxx – Chitarra, violino, pianoforte

Christian “CC” Coma – Batteria

 

Sito ufficiale: http://www.officialbvb.com

Facebook: http://www.facebook.com/Blackveilbrides

Etichetta Universal Music – www.universalmusic.it

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.