Slider by IWEBIX

Totenwagen – Argwohn (2013)

Pubblicato il 13/09/2013 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Argwohn
Autore: Totenwagen
Genere: Black Metal / Black 'n' Roll
Anno: 2013
Voto: 7+

Visualizzazioni post:311

Davvero curiosi ed originali questi Totenwagen (la traduzione dal tedesco dovrebbe essere “carro funebre”), che si presentano a noi con un mix di black metal e punk “farcito” da testi in italiano, tedesco e… dialetto napoletano! Eh sì, i tre musicisti provengono proprio dalla città vesuviana e ci offrono questo album autoprodotto molto breve (poco più di un quarto d’ora) ma carico di idee interessanti.
L’opener “Fenomeni Occulti” ci porta subito ad altri tempi, diciamo intorno agli anni ’70, grazie ad una lunga e gradevole parte iniziale con tastierone ultra atmosferiche che lasciano poi spazio al lato “oscuro” dei Totenwagen, con una seconda parte in pieno stile black n roll, grezza e veloce con un mix cantato in italiano e tedesco.
Si va avanti con “Pastorale Lucana”, interamente strumentale e davvero affascinante, pronta a virare verso il finale in maniera un po’ più inquietante e perfettamente in linea con le tematiche proposte dalla band. Nella breve “Ancient Spirit” emerge prepotentemente la vena black/punk (o black and roll, come preferite) dei Totenwagen, che si lanciano in un brano veloce e sostenuto, non particolarmente originale ma senza dubbio valido e ben riuscito.
Le seguenti “La Civetta” e “Napoli Satana” sono probabilmente il cuore di “Argwohn” e la summa della produzione dei Totenwagen. Qui emerge la loro originalità, con parti atmosferiche interrotte da sferzate sataniche, da anatemi che per la verità paiono più fatti per spettacolo che per seria convinzione, con una band probabilmente più interessata a creare musica che a colpire con messaggi di facile presa. Gli inserti in napoletano arricchiscono le song e si ha l’impressione di avere a che fare con un Pulcinella scanzonato che sotto la maschera cela un viso demoniaco. Siamo quasi alla fine con “Tote Vögel Singen Nicht”, per molti versi simile alla opener “Fenomeni Occulti”, e chiudiamo con la breve “Abschluß”, a ritmo di marcia e con un flauto di accompagnamento.
I Totenwagen nei pochi minuti di durata di “Argwohn” riescono a sorprenderci, a divertirci e e ad incuriosirci verso quelli che potranno essere i passi futuri della band. Teniamoli d’occhio!

Tracklist:
1. Fenomeni occulti
2. Pastorale lucana
3. Ancient spirit
4. la Civetta
5. Napoli Satana
6. Tote Vögel singen nicht
7. Abschluß

Line-up:
W. R. Schröder – basso, motivi, flauto, voce
Balzano – tastiere, gioventù, voce
Walter M. – piatti, censure, tamburi

Sito ufficiale su Bandcamp: http://totenwagen.bandcamp.com/
Facebook: https://www.facebook.com/totenwagen

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *