Wolfs Moon – Curse The Cult Of Chaos (2013)

Titolo: Curse The Cult Of Chaos
Autore: Wolfs Moon
Genere: Power Metal
Anno: 2013
Voto: 5.5

Visualizzazioni post:822

Guarda un po’ chi si rivede! Era dal 2008 che, musicalmente, non avevo più contatti con i tedeschi Wolfs Moon, quando approdarono nel mio stereo attraverso “Unholy Darkness”, full length che tradì le mie aspettative rivelandosi piuttosto innocuo. Ad un lustro da quella poco elettrizzante release, la band di Schwarzenberg (città della Bassa Sassonia) esce con “Curse The Cult Of Chaos” in agosto: il settimo album dei Wolfs Moon viene rilasciato dalla loro conterranea Pure Underground Records – divisione di Pure Steel Records – e tiene a battesimo il nuovo acquisto Robert Rogge, subentrato a Carsten Pasemann nel ruolo di cantante. Prima di premere il tasto “play”, mentre osservavo attentamente il bell’artwork che lo accompagna, mi sono posto la fatidica domanda: saranno riusciti i Wolfs Moon a registrare un disco se non altro un poco più affascinante del precedente? I brani di “Unholy Darkness” non rimanevano in mente neanche marchiandoli a fuoco e la sostanziosa serie di ascolti riservata a “Curse…” ha evidenziato che, purtroppo, la situazione non è cambiata di molto. Affidata ad una produzione che dona ai pezzi un sound complessivo piuttosto attuale, la proposta dei Nostri riparte dal solido power teutonico con una punta di oscurità e lo innerva di inserti thrasheggianti a stelle e strisce, sulla scia di band quali Iced Earth e Metal Church, per ottenere un roccioso power/thrash assestato in linea di massima su ritmi mid tempo ma, come già detto, non particolarmente brillante a livello di songwriting e con un contributo vocale nella norma fornito dell’ugola ruvida di Robert Rogge. Il riffing poderoso di Gerd Simson, i ruggiti growl di Mirco Brandes (Servator) e l’apporto vocale di altri ospiti come Olaf Hayer (Lord Byron, Symphonity, Luca Turilli) e Becky Gaber (Exotoxis, Psychophobia) non bastano ad innalzare le sorti di “Curse The Cult Of Chaos”, disco che non riesce a generare un costante interesse e transita quasi senza lasciare traccia: l’eccezione è rappresentata da brani come la devastante “Chaly Skull – Wing” ed il tributo alle immortali icone del metal “Undying Legends”, canzone trascinante all’inizio ma che poi risulta troppo ripetitiva. La bontà delle intenzioni, la passione e l’impegno non sono sufficienti per garantire la buona riuscita di un album: “Curse The Cult Of Chaos” va a piazzarsi nel limbo delle uscite mediocri, di cui riuscirò a fare ameno senza grossi sforzi. Peccato, perché da una band d’esperienza come i Wolfs Moon era lecito aspettarsi un lavoro di caratura maggiore.

Tracklist:
1. Dead Eyes – Blind Justice
2. Corpses In Candlelight
3. Curse The Cult Of Chaos
4. Undying Legends
5. Apocalyptomania
6. Moribund Vision
7. Dynamo
8. Young At Heart
9. Ultra Rebel
10. Omen Of Nightfall
11. Chaly Skull – Wing
12. Boring Life Of The Undead

Line-up:
Robert Rogge – voce
Gerd Simson – chitarra
Marco Dammann – basso
Andreas Rinke – batteria

Guests:
Olaf Hayer – Guest Vocals su “Undying Legends” e “Chaly Skull – Wing”
Mirco Brandes – Guest growls
Becky Gaber – Guest vocals su “Dead Eyes – Blind Justice”, “Apocalyptomania” e “Young At Heart”
Mark Brühning – Guest vocals su “Boring Life Of The Undead”
Reimund Junker – Guest guitar solos

Sito ufficiale: www.wolfsmoon.de
Myspace: www.myspace.com/wolfsmoontheband
Etichetta Pure Underground Records – www.puresteel-records.com

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.