Slider by IWEBIX

Scott Ian : vi sveliamo qualche curiosità

Pubblicato il 28/04/2014 da in News | 0 commenti


Visualizzazioni post:366

La vita di Scott Ian.

Quando si pensa ad una rock star come Scott Ian degli Anthrax, in genere il primo pensiero va ad urla, feste e al suo suono tipico e pesante di chitarra elettrica. Ci si dimentica facilmente che anche le celebrità sono persone complesse e profonde come tutti noi. La musica occupa una grande parte della loro vita, ma anche il resto potrebbe soprendervi. Oltre ad essere chitarrista degli Anthrax, in questo piccolo articolo vi sveliamo qualche cosa su di lui che forse non sapete riguardo a tutte le sue altre esperienze, più o meno conosciute.

Nato nel 1963, Ian è stato fortemente influenzato da band allora nascenti come Motörhead, Black Sabbath e Iron Maiden, con un’ossessione per il rock sin dai tempi della sua adolescenza. Con la nascita degli Anthrax nel 1981, Ian ha contribuito a creare il genere thrash metal assieme ad altri grandi nomi come Slayer, Megadeth e Metallica. Ian è famoso in tutto il mondo, è sicuramente un grande nome sia in campo Heavy Metal sia nella musica in generale, ma ha fatto una grande quantità di altre cose nella sua vita che potrebbero essere sconosciute ai più.

Una delle cose più notevoli di Ian riguarda le sue svariate partecipazioni a cinema e televisione. Sicuramente conosciutissimo per le sue apparizioni su VH1 in spettacoli come “Rock Show”, “History of Heavy Metal,” e “Supergroup,”, Ian ha fatto decine di altre apparizioni sullo schermo ed è ormai un nome noto a Hollywood. Recentemente ha aiutato a sviluppare serie come “Blood and Guts” e “Metal Evolution.” Dopo averlo visto in molti altri spettacoli come “The Rock & Roll Roasts” di Zakk Wylde e Dee Snider e come voce su “Metalocalypse”, è ormai diventato abbastanza comune vedere Ian sullo schermo.

Oltre a ciò Ian ha anche altri progetti al di fuori della musica e della recitazione, come si può vedere dal suo sito ufficiale.

Dice Ian : “tutte le volte che mi hanno chiesto cosa avrei fatto nella mia vita se non ci fossero stati gli Anthrax ho sempre detto “scrivere fumetti”! I fumetti erano la mia passione, ancora prima di saper suonare la chitarra e sono un’enorme influenza su tutto quello che faccio, quindi arrivare a scriverli è un sogno si avvera”.

Questo è esattamente ciò che Ian ha fatto nel 2009, quando ha collaborato con la DC Comics per scrivere un albo in due parti per l’antieroe Lobo. Una canzone di Ian era già stata utilizzata nel 1991 dalla DC Comics, si trattava di “I Am The Law”. Quando poi c’è stata l’occasione di collaborare “sul serio” Ian non si è fatto pregare, la cosa anzi proseguirà perchè, stando al suo sito, l’artista sta lavorando alla scrittura di un’altra storia.

Come se la musica, la recitazione e la scrittura di fumetti non bastassero, Ian è anche un giocatore professionista di carte. Nell’ultimo decennio Ian è diventato un “top poker player” e ha anche guadagnato una sponsorizzazione. Nel 2009 ha interrotto il tour per volare a Las Vegas e partecipare alle World Series of Poker, e a differenza della maggior parte delle celebrità, il suo torneo è durato diversi giorni permettendogli di guadagnare parecchio. Secondo Ian giocare in questi eventi principali è uno dei suoi più grandi sogni. Così come l’abbiamo conosciuto la sua musica e per i suoi tour, forse lo vedremo su  GiocoDigitale al prossimo evento World Poker Tour a Venezia.

Quando non è in giro per tornei, Ian si gode la vita del giocatore d’azzardo direttamente nel suo locale. Difatti ha aperto un bar a Las Vegas assieme al chitarrista degli Alice In Chains, Jerry Cantrell, chiamato “Dead Man’s Hand” (La Mano Del Morto), un nome che indica sia un punto del poker sia il nome di un cocktail. Ian e Jerry mirano a fornire un’atmosfera per rock e metal fan per rilassarsi o per festeggiare in compagnia. Il locale dispone anche di un palco per la musica dal vivo con band che suonano ogni sera.

Oltre a questo suo programma incredibilmente occupato, Ian è un uomo di famiglia e si esibisce con la band della moglie, i “Pearl”. Lui e la moglie Pearl Aday hanno un figlio di tre anni, nato durante uno dei tour estivi degli Anthrax (che scombussolò un po’ i piani della band facendo saltare loro tredici date). Grazie a questo articolo quindi sappiamo qualcosa di più su Scott Ian e sulla sua vita, che non riguarda solo la musica, ma anche la recitazione la scrittura, il poker e anche il suo “Speaking Words Tour”.

Anthrax_Paard_van_Troje_4

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *